Crea sito

Ai confini della realtà: La vita di Rod Serling – Recensione

Ai confini della realtà, edito da Edizioni BD, racconta la vita del creatore della serie. Una vita, quella di Rod Serling, “troppo avventurosa perché qualcuno, prima o poi, non la raccontasse” .

La sua immagine, completo scuro e sigaretta tra le dita, è iconica: Rod Serling è l’uomo che ha creato e rappresentato sulle tv di tutto il mondo Ai Confini della Realtà (The Twilight Zone), portando la fantascienza in ogni casa. E, tramite creature fantastiche, mostri e con l’aiuto delle menti migliori nel panorama della letteratura, riuscì a parlare a tutti di temi scottanti quali il razzismo, la violenza della guerra e i soprusi dei potenti. Questa è la sua biografia a fumetti, dal suo impegno nel seconda conflitto mondiale, che gli valse le più alte onorificenze militari, fino al successo straordinario della sua idea, raccontata dal brillante fumettista Koren Shadmi.

“C’è una quinta dimensione oltre a quelle che l’uomo già conosce. È senza limiti come l’infinito. È senza tempo come l’eternità. È la regione intermedia tra la luce e l’oscurità, tra la scienza e la superstizione, tra l’oscuro baratro dell’ignoto e le vette luminose del sapere. È la regione dell’immaginazione, una regione che si trova Ai confini della realtà.”

Questo che avete appena letto è l’antefatto di The Twilight Zone, serie televisiva di genere fantascientifico trasmessa in tre diversi periodi dalla televisione americana. La serie classica, creata da Rod Serling, andò in onda dal 1959 al 1964. Seppure considerata semplicemente fantascientifica, la serie si focalizzò su spaccati di vite di normali persone che venivano cambiate dall’incontro con l’ignoto.

Quando conobbi, Ai Confini della Realtà nonché The Twilight Zone in originale, è stato molti anni fa quando venne trasmessa in tv. Una delle cose che mi colpì particolarmente fu proprio il modo in cui veniva trattata la fantascienza senza la necessità di andare a pungere quelli che erano i temi più classici, all’epoca, del genere che possiamo definire anche docu-serie.

Oggi, però, quando si parla di The Twilight Zone, non si parla più del telefilm, bensì del fumetto dedicato alla vita di Rod Serling. Come avrete capito, questa graphic novel intitolata Ai Confini della Realtà: La Vita di Rod Serling, esplora la creazione della serie e non solo. La storia è narrata e disegnata da Koren Shadmi, che incorona Rod Serling come il padre della moderna televisione. Ma dietro ad ogni artista, prima di tutto c’è l’essere uomo. Sarà proprio questo il focus dell’opera in questione. Un viaggio alla scoperta di una vita straordinaria.

Tutti ricordiamo quell’uomo in completo impeccabile e sigaretta tra le dita…

Dal periodo in cui Serling fu arruolato nell’esercito attraverso gli sforzi per specializzarsi come paracadutista, agli orrori visti assieme al popolo delle Filippine della Seconda guerra Mondiale, al disturbo da stress post traumatico e ad affrontare notti colme di incubi, all’iscrizione al college dove coltiverà, poi, la sua passione per la scrittura, fino ad arrivare all’intuizione del potenzialità e nuovo mezzo televisivo.

Koren Shadmi fa centro. Il racconto è ben scritto e dettagliato, una biographic novel che viene trattata con tanto rispetto delle parti. Non è un caso che lo stesso autore infatti, consideri Serling come “un amico mai conosciuto”. Nonostante sia narrata come racconto biografico, l’opera vive e viene vissuta come se fosse stata strutturata da Rod in persona che racconta la sua vita, davanti ad un brandy e un immancabile sigaretta a Shadmi, e quest’ultimo – poi – a noi lettori. Questa narrazione naturale è un’aggiunta che rafforza tutta la sceneggiatura regalando un esperienza di lettura inusuale, quasi realmente ai confini dell’ignoto.

I disegni, dello stesso Koren Shadmi, risultano appropriati. Lo stile è realista e mette costantemente a fuoco una realtà (grafica) vista per quello che è, per quello che stato Serling. Le colorazioni sono molto particolari. A prima occhiata possono essere viste semplicemente con un bianco e nero piatto. Ma se si guarda attentamente, l’utilizzo del grigio predomina. Particolare anche l’utilizzo del lilla che si mischia al grigio dando delle tonalità della paletta particolari (esempio nella terza parte quando Rod Serling sull’aereo racconta una storia ad una ffascinante donna…)

In conclusione, Ai Confini della Realtà: La Vita di Rod Serling di Koren Shadmi edito da Edizioni BD, è un affascinate biographic novel che racconta con rispetto Rod Serlin uomo, scrittore e intrattenitore. Una graphic novel che esplora i meandri di una vita oltre ai confini.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social Facebook  e InstagramTwitter e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero.it