Crea sito

ANIME PARTY – Recensione

ANIME PARTY – Recensione

Il Manga è un fenomeno della cultura giapponese conosciuto anche grazie allo stretto rapporto con gli OAV (Original Anime Video), o semplicemente anime (i cartoni animati giapponesi). Come dimenticarsi delle icone degli anni 80 e 90 riproposte, da noi su Italia 1 e sui canali regionali?

Una moda, questa, che coinvolge da sempre tutte le età, un commercio presente in negozi, eventi e fiere come il Lucca Comics, oltre al mercato digitale che propone oggetti correlati come i gadget per cosplay, travestimenti esuberanti e colorati. Insomma dei veri e propri omaggio ai personaggi più celebri.

Questo fenomeno, quello degli anime, è entrato totalmente nella nostra cultura di base occidentale. Se siete telespettatori navigati sulla categoria anime, quasi certamente vi è capitato di commentare un episodio esplicitando quella frase ormai tipica di giudizio: “pfff, io potrei fare decisamente meglio!”. Bene! Ad ovviare a questo dilemma, ci viene incontro Studio Supernova in collaborazione con J-POP Games con Anime Party!

Anime Party è un party game narrativo in cui i giocatori sono parte del team del canale televisivo Channel A. Obiettivo del gioco è creare il prossimo grande successo Anime basandosi sulle Idee suggerite dal Producer, che individueranno i temi che il network favorisce per quella partita, e creandone il titolo e la trama usando le carte che vengono pescate dal mazzo Titoli. Vince chi riesce a convincere più “colleghi” a votare per il proprio anime!

La domanda viene da se; siete pronti ad essere giudicati?

Anime Party è un gioco da tavola creato da Ewen Cluney e come detto viene portato in Italia grazie a J-POP Games, casa editrice ormai famosissima, e Studio Supernova! E senza tanti giri di parole, qualora ancora non fosse chiaro, questo gioco vi farà calare nei panni dei produttori di anime nella speranza di fare successo nel mercato Giapponese e bucare lo schermo!

Il setup è davvero minimale e intuitivo. Infatti per creare e sperare di entrare nel cuore di milioni di appassionati, avrete a disposizione due mazzi di carte: quelle dei Titoli e quelle delle Idee. Dovrete sceglie chi di voi sarà il Producer, nonché chi ha effettivamente più esperienza sugli anime e che rappresenterà, in un certo senso, i “capoccia” del network. Il suo compito sarà quello di “acquistare” una serie di anime per il canale. Lo stesso dovrà pescare 5 carte Idee presenti, ne sceglie 2 e scarta le altre. Queste 2 le mostra ai giocatori. Molte carte Idee sono soltanto testuali, ma alcune sono speciali perché presentano un personaggio. Lo stesso verrà inserito nella storia.

Dopodiché bisognerà smistare 10 carte Titolo a testa (Producer compreso). Esse rappresentano una parola che andrà a formare il titolo della nostra serie animata. Potrete usare fino ad un massimo di 4 carte aggiungendo ovviamente la grammatica a piacere. Vi sarà palese che, tutte queste carte, ricordano i loghi di anime e videogiochi famosi. Quelle che presentano dei disegni, sono state create da artisti del calibro di; Mirka AndolfoEmanuele Ercolani e Samuel Spano. Mica pizza e fichi!

Quando avrete scelto il tema/genere, a turno dovrete “presentare” la vostra idea descrivendo quindi il contenuto: titolo, trama etc. Quando avrete concluso il giro di idee, ogni giocatore dovrà votare l’idea che reputa più bella e interessante. E’ chiaro che il giocatore che avrà ricevuto più benestare, otterrà un punto. Di conseguenza, assegnato il punto, inizierà un nuovo round e il ruolo di Producer passerà ad un altro giocatore per ricominciare da capo.

Essendo Anime Party un gioco che impone per logica e soluzione uno sforzo di fantasia e immaginazione, i giocatori che intraprendono la via di questo gioco, potranno, qualora si ritengano coraggiosi, alzare l’asticella e tuffarsi in un livello di difficoltà molto più personale che scinde dal regolamento del game stesso. Diciamo che, applicando la base è possibile aggiungere “paletti” più ostici come per esempio l’anime più assurdo, il tema etc.

Ma ricapitolando, l’obiettivo del gioco è creare un anime di successo basandosi liberamente sulle Idee suggerite dal Producer. Ovviamente queste verranno individuate tramite il network Channel A che li favorisce creando e pianificando ciascun anime in modo che possa risultare più accattivante e vincente agli occhi degli altri giocatori. Vince chi riceve più voti per il proprio anime!

In conclusione, Anime Party è un gioco che richiede indubbiamente uno sforzo di fantasia. Dalla meccanica semplicissima e dal regolamento intuitivo, è possibile creare anime fantastici in una immersione totale di un gioco narrativo che regala un’esperienza a dir poco magica.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero