Crea sito

Anomalia – Recensione

Per anomalia s’intende l’eccezione, la divergenza dalla regola o da un tipo che si considera normale. Double Shot in collaborazione con MOJO, con la pubblicazione di Anomalia, vi condurrà attraverso le strade impervie della difformità. Sette storie differenti per sette stili di disegno altrettanto diversi, ognuno figlio del concetto di anomalia che si cela nell’immaginario degli autori. Narrazione e lato artistico si presenteranno ai vostri occhi direttamente, indagando sulle forme variegate del dissidio raccontato.

Procediamo con ordine. Che cos’è Anomalia? È una raccolta di storie brevi: il segreto di un macello, la solitudine di un anziano, l’alienazione di due amici, i pensieri di un ragazzino, delle indagini surreali, un amore impossibile e la vita in un universo immaginario. Il lettore si troverà di fronte a uno spettro emotivo variegato. Il tema essenziale non mancherà di essere inteso ed esplorato nella sua profondità, attraverso differenti scelte narrative. Questo volume è tante cose. Esso è inquietante ma anche riflessivo, avventuroso, tragico, risoluto. Si pone come una bomba emotiva che invade gli occhi, arriva alla mente e scende al cuore. L’oggetto della narrazione è la presentazione del diverso e delle altrettanto, differenti forme di divergenza dal fattore comune.

Con questa raccolta i ragazzi del Colletivo Mojo (gli autori) hanno fatto il loro debutto, direttamente dai banchi della Scuola Internazionale Comics di Firenze. Un pregio notevole dell’opera è il saper arrivare dritta al punto. Sa ben focalizzarsi su una capacità di comunicazione del messaggio, che arriva in modo inequivocabile. Esso si contestualizza nella narrazione, calandovisi in modo alienante. Narrazione che ha l’obiettivo di raccontarvi i fatti così come si svolgono. Non ci sono riflessioni “extra” o prese di posizione. Non vi è pretesa di ergersi a punto di vista unico. I fatti narrati offrono l’opportunità al lettore di farsi la propria idea, in totale e assoluta libertà.

L’opera veicola il concetto di diversità e coerentemente, la vera anomalia è che non stia dalla parte di nessuno. Pone delle domande, questo sì, ma spetterà al lettore darsi le risposte, senza sentirsi influenzato dal punto di vista di chi narra. Artisticamente parlando, si riflette questo modo di concepire le trame attraverso una varietà di stili e tratti che rendono unico il volume. Stessa cosa varrà per le colorazioni con il passaggio da colori caldi, freddi, l’utilizzo del bianco e nero, non meno inteso e immaginifico. Narrazione e arte si fondono in un’armonia discordante che vede anche nell’anomalia visiva (la scelta di più autori e più stili), un modo per indagare il messaggio del diverso.

Le storie raccontate si snodano tra la bellezza dei differenti punti di vista dove, ognuno di noi, in fondo, è anomalia di un contesto più grande. La narrazione estremizza il concetto della diversificazione e delle differenze che, quotidianamente, viviamo sulla pelle. Il vivere sociale impone consuetudini, in cui le eccezioni smuovono il torpore della collettività. Non c’è bisogno di essere una creatura marziana per vivere la solitudine, quasi ghettizzante, della diversità. In fondo, ci ghettizziamo per molto meno.

L’origine dell’anomalia fa parte di un’analisi troppo profonda che, dopotutto, è sotto gli occhi di tutti. Essa è fatta e prende corpo da: solitudine, esclusione, aberrazione, bullismo sociale, emarginazione, ignoranza, paura, disorientamento. L’uomo è una creatura capace di grandi disastri, se lasciato ai suoi demoni. La verità, è che solo in pochi riescono ad avere l’onestà intellettuale di ammetterli e fronteggiarli. Fa molto più comodo celare la polvere sotto il tappeto e continuare a chiudersi in una parvenza d’inconsueta normalità.

L’edizione fisica dell’opera è impeccabile. Dalla copertina colorata alle pagine spesse, il volume è nel complesso elegante e piacevole al tatto. La stampa è perfetta. Eccellente anche la scelta della carta che fa risaltare le colorazioni. Ottimo lavoro di produzione.

Anomalia ha il pregio di raccontare storie di straordinaria diversità, in una situazione di ordinaria follia. La follia sta nel non vedere quanto crudele possa essere questa decantata normalità. Una normalità che porta all’esclusione, aprioristica, di chi non è fatto per la cosiddetta socialità. In realtà, però, “nessuna regola è così generale da non ammettere eccezioni” (cit. di Robert Burton). Non è difficile capire il senso di queste parole alla luce di una lettura così intensa e affascinante. La bellezza dell’anomalia è la singolarità, l’unicità, il tratto distintivo che si cela in ognuno, per quanto conformi al comune.

Si può vivere, dunque, di sana anomalia? Difficile ma non impossibile giacché, già si possiedono in sé i geni di quest’anormalità. È un’eredità di natura. Una bellissima eredità, per giunta, che ci rende indispensabili per ciò che siamo e per cui altri non saranno mai. Anomalia è una lettura che in 160 pagine porta a indagare l’animo più in profondità di quanto, probabilmente, vorremmo. Una scoperta che però ci rende man mano più consapevoli, senza dimenticare il lato ludico di queste storie che intrattengono e vi terranno con gli occhi incollati alla pagina.

Continuate a seguire le nostre news sulle pagine social Facebook e Instagram Twitter e Telegram per non perdervi mai nulla! Playgamesitalia