Crea sito

Arrivare a te: La persona del destino 1 – Recensione

Arrivare a te: la persona del destino 1 segna il ritorno di Karuho Shiina ad opera di Star Comics. Dopo il grande successo e la lunga pubblicazione di Arrivare a te (Kimi ni Todoke), Star Comics decide di rendere fruibile al pubblico italiano anche il sequel molto atteso dai fan.

Sawako Kuronuma e Ume Kurumizawa (soprannominata “Kurumi”) hanno terminato il liceo ed iniziato l’università. Frequentando la stessa facoltà lontane da casa, passano molto tempo insieme, a lezione come a casa. Sembrano lontani i tempi in cui Kurumi cercava di allontanare Shota da Sawako. I due ragazzi hanno iniziato una relazione, e Kurumi non può fare a meno di prendere spunto da quella circostanza per analizzare la propria situazione sentimentale.
Quando le compagne di corso propongono a Kurumi e Sawako di partecipare ad un gokon (un appuntamento combinato), Sawako accetta per aiutare l’amica a trovare qualcuno che possa piacerle. Importunate da un tipo molesto e sospetto che sembra essersi invaghito di Sawako, le ragazze vengono salvate dal “fratellone Eiji”, il cugino di Sawako. Naturalmente il ragazzo porterà non pochi sconvolgimenti nella vita di Kurumizawa.

“Sta tranquilla! Io e Sawako siamo le classiche persone che riescono sempre a perdonare gli altri!”

Arrivare a te: la persona del destino 1 soddisfa e rinvigorisce tutti i fan della serie principale, che si era conclusa con pubblicazione dell’ultimo volume nel 2018. Dopo ben 30 volumi, e dodici anni di vita (l’autrice aveva iniziato nel 2005), Arrivare a te ha lasciato un vuoto negli amanti di Karuho Shiina che Star Comics ha deciso di tornare a riempire con la pubblicazione del sequel.

Grazie a questo primo volume possiamo immergerci in una storia dolce e delicata, tipica cifra stilistica dell’autrice. L’amore appare provvidenzialmente e si manifesta a piccoli passi, a poco a poco, esattamente come in Arrivare a te. Ma l’autrice non è semplicemente autrice di uno shojo scolastico (anche se dell’università, le protagoniste sono sempre studentesse), come potrebbe sembrare a primo impatto.

“Temo che se rimanessi con lui, finirei per essere incantata da qualche strana magia.”

Arrivare a te: la persona del destino è di più: vi si abbozzano tematiche non certo banali, che verranno approfondite nei volumi successivi (in patria, la serie è ancora in corso).
La presenza dello stalker iniziale, incontrato dalle amiche al gokon, ad esempio, non va sottovalutata: fa riflettere su come spesso delle uscite in compagnia possano rivelarsi potenzialmente pericolose per delle ragazze sole.

Anche la consapevolezza di aver fatto del male in passato e di averne rimorso, sentimento che caratterizza Kurumi, riesce a rendere profondo un genere che a volte viene considerato superficiale.

Naturalmente ogni aspetto del volume viene alleggerito dallo stile dell’autrice e dalla sua capacità di affrontare determinate senza drammatizzarle. Kahuro Shiina riesce sempre a rendere le sue opere fresche e nello stesso tempo non banali, facendo riflettere il lettore senza però opprimerlo. Di ogni problema è presente la soluzione, basta saperla cercare. E per ogni essere umano c’è sempre speranza, basta essere circondati da individui che sappiano coltivarla.

“Ho pensato che sarebbe carino sentirsi anche senza niente di importante da dire… Cosa ne pensi?”

Arrivare a te: la persona del destino 1 si presta ad essere letto anche da coloro che non conoscono l’opera madre. Scorrendo le pagine, infatti, spesso l’autrice ci ricorda gli eventi passati, e attraverso le parole dei personaggi si scoprono (o si ritrovano) riferimenti al prequel.

Sawako cede il posto di protagonista a Kurumi con grande dolcezza, restandole vicina e consigliandola da buona amica. L’autrice lo lascia intendere al lettore con una scelta azzeccata: Sawako è sì presente, ma è spesso disegnata in maniera caricaturale. Proprio perché si capisca che ora le scene spettano a Kurumi.

Lo stile dell’autrice si conforma alla dolcezza della trama da lei tracciata. Grandi occhi espressivi e lunghi capelli setosi per le protagoniste fanno immediatamente capire al lettore che si sta approcciando ad uno shojo. In linea con la tradizione del genere, i personaggi son ben curati e delicatamente tratteggiati. L’amore irrompe nelle pagine con scene che occupano anche grandi spazi.

Dolci parole che promettono amore, protezione e presenza fanno sognare non solo la protagonista, ma anche coloro che si trovano ad avere il volume tra le mani. Arrivare a te: la persona del destino 1 è diretto senza ombra di dubbio a tutti i fan della serie precedente. Ma la lettura del primo volume è adatta, naturalmente, a tutti gli amanti del genere shojo e a tutti coloro che desiderano immergersi in un sogno leggero e profumato.

Manca davvero poco alla pubblicazione di Star Comics del primo volume di Arrivare a te: la persona del destino. Il team di Playhero lo consiglia vivamente, ma già sa che saranno in molti ad attenderlo!

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero