Crea sito

Barrage vol. 2 – Recensione

Con questo vol. 2 di Barrage firmato sempre dal papà di My Hero Academia, Kohei Horikoshi, si conclude un’avventura interessante e molto piacevole. Ma andiamo per ordine. Prima di tutto chi si è perso la recensione del vol. 1, può trovarla qui.

Il pianeta Industria, su cui un tempo regnava la pace, dopo l’arrivo di varie fazioni aliene è diventato teatro di continue faide che vessano la popolazione, tanto da essere ormai chiamato “il mondo della guerra planetaria”. Un giorno Astro, un ragazzo di umili condizioni ma con un’enorme considerazione per il valore della famiglia, si imbatte in un misterioso individuo identico a lui.

Sarà l’inizio di un’incredibile avventura che lo porterà a impegnarsi in prima linea per riportare la pace nel suo mondo. Per liberare una città invasa dagli alieni e dalla polizia militare ribelle, Astro irrompe nella base nemica, ma si trova davanti a un potere oscuro in grado di tenere testa persino allo Strumento Reale. Inoltre, qualcuno sembra conoscere le sue origini…

Senza tanti giri di parole, questo ultimo e conclusivo volume di Barrage, edito da Star Comics, chiude il ciclo di un’avventura intraprendente in ogni sua forma. Leggendo piu volte i volumi siamo arrivati ad una conclusione. Ne siamo certi: Barrage può essere letto non solo dai fan di Kohei Horikoshi, ma da tutti gli appassionati che hanno voglia di intraprendere una lettura leggera e soprattutto breve.

Anche in questo volume 2, il maestro Horikoshi segue fedelmente la linea della favola moderna in stile steam-punk. La narrazione piacevole, l’azione e i momenti più umoristici sono una delle peculiarità del mangaka che risulta fare sempre un centro perfetto. Il ritmo incalzante, le conversazioni, i momenti più profondi e gli scontri risultano essere appaganti al fine dell’esperienza di lettura. I momenti più divertenti sono capaci di strapparvi sempre un sorriso. Quelli più toccanti, creano empatia.

BARRAGGE RISULTA ESSERE UNA FAVOLA MODERNA CHE ATTINGE ALL’IMMAGINARIO OCCIDENTALE!

Era chiaro già da Crazy Zoo che Horikoshi, nascondeva grandi doti. Infatti ha dimostrato una grande abilità tanto nella narrazione quanto nei disegni, anche in quest’opera. Non solo nelle sue abilità d’autore ma soprattutto in quelle artistiche che sono riconoscibili tra mille. Non sarà un caso, infatti, che nello stile artistico di Barrage, e nella sua caratterizzazione grafica, sui personaggi potrete intravedere Midoriya come Astro e così come Ochako e Hatsume. Uno stile unico quello del sensei.

Ovviamente non vi racconteremo del finale di questo volume 2 che ricordiamo essere l’ultimo. Possiamo dirvi che, purtroppo, essendo stata stoppata in Giappone, il finale risulta abbastanza repentino. Con repentino non intendiamo qualcosa di negativo. Anzi, totalmente il contrario. E’ davvero un peccato che sia terminato cosi velocemente in quanto chissà – se fosse continuato – quanti altri momenti esilaranti il maestro Kohei ci avrebbe potuto regalare.

In conclusione, Barrage vol. 2 edito da Star Comics, risulta essere una piccola, splendida opera. Vi affezionerete sin da subito ad Astro, vi farà sorridere e vi regalerà momenti tipici da battle shonen con alla guida uno dei mangaka piu bravi degli ultimi anni. Una miniserie incredibile, un piccolo tesoro in soli due volumi.