Crea sito

Blue Summer box – Recensione

L’estate e l’amore tra due liceali sono gli ingredienti essenziali di You are in the blue summer e di The blue summer and you, entrambi scritti e disegnati da Nagisa Furuya. Ambedue volumi unici, i due tankobon si completano a vicenda. You are in the blue summer è nato nel 2016 come opera autoconclusiva, a cui l’autrice ha regalato successivamente, nel 2018, un sequel: The blue summer and you

Star Comics ha optato per la pubblicazione congiunta dei due titoli, molto attesi dal pubblico italiano. E per farlo ha proposto ai fan un box esclusivo, intitolato Blue Summer Box. Al suo interno saranno presenti entrambi i volumi accompagnati da un’immagine inedita. L’uscita del box, che rappresenterà così il quinto titolo della Collana Queer, è prevista per il 3 febbraio del 2021.

I due volumi, come accennato in precedenza, sono uno l’opera madre e l’altro il suo sequel. Essendo quindi due storie collegate ma separate, sono riportate a seguire le sinossi di entrambe.

You are in the blue summer:

Chiharu Saeki e Wataru Toda sono due compagni di liceo che frequentano la stessa classe e che diventano amici grazie alla comune passione per il cinema. Il primo è bello, intelligente, popolare tra le ragazze; il secondo è uno studente piuttosto ordinario. La loro amicizia, fatta di scuola e appuntamenti al cinema, viene sconvolta quando Saeki confessa a Wataru i propri sentimenti. Quest’ultimo non sa come comportarsi, perché Saeki non sembra nè sperare, nè aspettarsi nulla dall’amico. 
L’unica richiesta che Saeki fa a Wataru è quella di partecipare assieme ad un pellegrinaggio.

The blue summer and you:

Saeki e Wataru hanno concluso il liceo e si sono iscritti all’università. Tuttavia, i due ragazzi  frequentano atenei diversi e distanti tra loro. Entrambi, inoltre, hanno iniziato a lavorare part-time per potersi mantenere. Riuscire a ritagliare del tempo per loro stessi, fra lo studio e il lavoro, è diventato arduo. Il cinema tornerà nuovamente in loro soccorso. 

“Fu all’inizio dell’estate di un anno fa… che gli parlai per la prima volta.”

Il punto di forza dei due volumi che compongono il Blue Summer Box sta nel perfetto equilibrio con il quale l’autrice riesce a bilanciare le varie tematiche con il ritmo della storia. Quello che potrebbe apparentemente sembrare un ostacolo, ossia la natura autoconclusiva di entrambi i volumi, è sapientemente aggirato grazie al ritmo lento, graduale e intenso della narrazione. Nagisa Furuya raggiunge il fulcro del racconto senza quasi che il lettore se renda conto, tanto riesce ad essere progressivo il suo operare. 

Nonostante la relativa leggerezza che i volumi del Blue Summer Box riescono a trasmettere, la trama vanta un’ottima struttura psicologica. I dubbi, le incertezze, le paure e i pensieri dei protagonisti vengono a galla senza appesantire la lettura, che anzi scorre via veloce e gradevole nonostante le 220 pagine per volume.

La caratterizzazione dei personaggi è un altro aspetto della storia che gode di un’ottima armonia.

A cominciare dalla sessualità e di Saeki e di Wataru, non meglio definita ma senza necessità di definizione. Il primo non si pone domande a riguardo: ha frequentato altre ragazze in passato, ma sa che nessuna di esse era riuscita a rappresentare per lui ciò che rappresenta Wataru. Nemmeno quest’ultimo si fa beffe del sentimento che prova l’amico, ma anzi inizia seriamente a riflettere sulla situazione venutasi a creare. 

Per finire poi con la capacità di armonizzare la presenza dei protagonisti con quella dei personaggi secondari. Questi ultimi hanno una propria indipendenza, un proprio ruolo e una propria caratterizzazione. Intervengono nelle questioni di Saeki e Wataru senza rubar loro la scena e, contemporaneamente, senza diventare mero contorno.  

“Non è necessario che tu accetti i miei sentimenti. E non voglio nemmeno piacerti per forza. Mi basta solo che tu sappia… ciò che provo.”

Deliziosa chicca che ricorre in entrambe le storie è il lietmotiv dell’estate e del caldo, elementi dai quali traggono origine i titoli. Nel Blue Summer Box il filo conduttore della stagione più calda dell’anno si presenta come metafora del calore dell’amore adolescenziale, che con il passare del tempo scalda e lega i due ragazzi. 

Un secondo tema presente in tutti e due i volumi del Blue Summer Box è quello che potrebbe essere definito “il potere della parola”. Si manifesta in vari momenti salienti della trama, come la lettera che Saeki scrive a Wataru (e dal momento che la storia è ambientata ai nostri giorni, questa potrebbe essere considerata una scelta ben precisa dell’autrice). 

Le storie che compongono il Blue Summer Box sono attraversate da una piacevole calma, una tiepida lentezza che rende ogni comportamento naturale. La dolcezza e il romanticismo la fanno da padroni senza mai risultare stucchevoli, e senza inciampare in rischiosi stereotipi. Nulla risulta forzato. 

“Wataru, tu per me… sei sempre appartenuto all’estate.”

Il tratto di Nagisa Furuya, così come la narrazione da lei creata,, è semplice ma ricco. I disegni sono morbidi, non particolarmente elaborati, ma in grado di trasmettere le sensazioni dei protagonisti. La semplicità estremamente elegante delle tavole distende l’occhio di chi guarda. 

All’interno delle 400 pagine totali dei due volumi che compongono il Blue Summer Box non sono presenti scene erotiche. La massima esternazione di affetto fra Saeki e Wataru sono fugaci e delicati baci. E, più in generale, la storia non abbonda di momenti intimi tra i due, anzi. Nonostante questo tipo di impostazione, la trasformazione dell’amicizia in amore è ugualmente potente e coinvolgente. 

Un simile taglio rende il Blue Summer Box adatto a tutti, sia a coloro che preferiscono storie più romantiche e meno basate sulla fisicità, sia a coloro che sono abituati a scene più piccanti. Può essere senza dubbio un ottimo titolo con il quale iniziare ad approcciarsi alla lettura di Boy’s Love, e resta in linea con gli altri titoli pubblicati fino ad ora da Star Comics sulla Collana Queer. 

In conclusione, la redazione di Playhero suggerisce la lettura di You are in the blue summer e di The blue summer and you per la leggerezza, la naturalezza e il romanticismo che riescono a trasmettere, senza rinunciare ad una buona dose di toccante intensità. Riuscirà a scaldarvi anche se siamo in inverno. 

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero