Crea sito

Compagni di Classe vol. 1 – Recensione

Compagni di Classe

Se siete appassionati di storie romantiche con ambientazione scolastica non potete assolutamente farvi scappare Compagni di Classe di Asumiko Nakamura edito Magic Press Edizioni sotto la collana 801 dedicata ai titoli Boys Love. Attualmente la serie è composta da tre volumi relativi alla serie principale con l’aggiunta di un volume unico spin off intitolato Sora e Hara e con altri due volumi spin off intitolati O.B. Questo Marzo uscirà il nuovo attesissimo continuo della storia ovvero Blanc.

In occasione di un festival scolastico la classe di Kusakabe e Sajo deve preparare un’esibizione canora. Il primo si accorge però che il suo compagno fa solo finta di cantare e per questo decide di aiutarlo. Il tempo passato insieme in una calda estate della loro adolescenza porterà i sentimenti di entrambi a sbocciare con passione. L’euforia e la paura del primo amore fanno da cornice alla loro storia e a tutti i passi avanti che si trovano a fare sempre fianco a fianco. Tra gelosie, insicurezze e tanto amore riusciranno a portare avanti la loro storia uniti da un legame che sarà sempre più profondo con il passare delle stagioni.

E quando un giorno…un po’ più grandi ritorneremo… nei riflessi degli occhi tuoi…fresche foglie verdeggianti… riveder vorrei

Con un’ambientazione comune a molte opere la forza motore di Compagni di Classe è sicuramente la spontaneità con cui nasce e si sviluppa la storia. Kusakabe e Sajo iniziano a passare del tempo insieme per poter affrontare al meglio il festival canoro della scuola. Galeotto sarà proprio quel tempo speso sempre fianco a fianco che li farà conoscere e piano piano provare sentimenti che forse neanche loro immaginavano.
Il primo amore si sa ci porta ad essere impetuosi e passionali e sarà proprio un momento di gelosia e debolezza che farà esplodere come un tuono i sentimenti di Kusakabe dritti in faccia al povero Sajo.

La dirompente forza delle emozioni sono un altro punto a favore di questa dolce storia. Essendo due ragazzi sono spesso costretti a nascondere il loro amore tra stanze chiuse e ombrelli abbassati, Sajo in particolare è molto schivo e restio a pubbliche manifestazioni di affetto ma spesso il loro sentimento così profondo non riesce a essere celato. E’ stato un balsamo per lo spirito vedere come i due accettino con incredibile naturalezza il provare sentimenti verso un altro uomo. Non abbiamo crisi esistenziali o rinnegamenti dei loro sentimenti.

Tranne un’ iniziale sorpresa di Kusakabe tutto viene vissuto e accettato come dovrebbe sempre essere, ovvero come un primo improvviso amore. I due ragazzi sono caratterialmente opposti e per questo riescono a sposarsi perfettamente. A contenere l’esuberante e sempre diretto Kusakabe c’è il più calmo e posato Sajo. Insieme riescono a suonare una dolce armonia che farà crescere sempre di più le note dell’amore nei loro cuori.

Il numero uno. Sajo è il numero uno. Sempre… e per sempre. Potrei ripeterlo all’infinito.

All’interno del volume le situazioni si alternano con il passare delle stagioni non facendo sembrare la narrazione troppo accelerata. Si passa dalla passione del primo amore alla gelosia, dalla paura di un distacco alle piccole incomprensioni tra i due. Sempre con la sfrontatezza della giovinezza a fare da sfondo.
I sentimenti dei due ragazzi sono affrontati e contestualizzati in maniera impeccabile. Si percepisce tra le pagine di Compagni di Classe il profondo legame che li lega nonostante la loro giovane età.

Altro aspetto interessante di quest’opera è il dialogo che abbiamo tra i due. Spesso nelle storie abbiamo un grande problema che viene tenuto nascosto da uno dei protagonisti per creare una certa tensione e determinate dinamiche. Al contrario in Compagni di Classe, anche se inizialmente celato, il problema della scelta futura dell’università di Sajo viene a galla, anche se involontariamente e questo porterà ad un dialogo che spesso non avviene in altre opere.

Le paure e la frustrazione di Kusakabe per questa scelta esplodono come un urgano e il ragazzo riesce a esprimere tutto quello che sente senza remore.
E’ stato molto interessante vedere questa situazione di conflitto affrontata e risolta nel giro del volume stesso senza dover aspettare. Il dialogo e la comunicazione sono essenziali e nonostante sia quasi sempre Kusakabe il centro dell’azione anche Sajo spesso riesce a esprimere quello che sente.
Il loro equilibrio come coppia è sorprendente.

Per accompagnare questa dolce storia abbiamo inoltre il tratto flessuoso della Sensei Nakamura. Si tratta di uno stile di disegno che potrebbe non piacere a tutti. Le parti del corpo dei personaggi sono spesso morbide e allungate come dei giunchi ma la sua capacità di tratteggiare le emozioni sul viso dei suoi personaggi è strabiliante.

In conclusioni Compagni di Classe è una storia dolce e sentimentalmente onesta che vi farà provare tutte quelle incredibili, vorticose e spesso incomprensibili emozioni legate al primo amore. I personaggi con le loro spesso goffe e buffe interazioni vi faranno provare empatia verso di loro e la loro imprevista relazione. Tra una scenata di gelosia improvvisa e momenti di una dolcezza assurda accompagneremo Sajo e Kusakabe durante tutto il loro viaggio come Compagni di Classe.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero