Crea sito

Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

Firefly Vol 3 In fuga dal passato

Firefly

Con Firefly Vol 3 In fuga dal passato prosegue la pubblicazione della serie che approfondisce l’Universo creato da Joss Whedon (Avengers, Buffy) riconfermando il team creativo dei precedenti volumi.
Ritroviamo Greg Pak (Planet Hulk, Magneto: Testamento) alla storia, accompagnato dal tratto di Dan McDaid ai disegni.

Pubblicato in Italia da Saldapress, Firefly Vol 3 In fuga dal passato continua a narrarci le pericolose avventure dell’equipaggio della Serenity. Protagonista è un’ambientazione rievocativa che mescola la fantascienza alle atmosfere western.

“Sulla Serenity viaggiano due ex separatisti veterani della Guerra dell’Unificazione, il capitano Malcolm Reynolds e Zoë Washburne, suo marito Hoban “Wash” Washburne, il pastore Book, il meccanico Kaylee Frye, il mercenario Jayne Cobb, l’ambasciatrice e accompagnatrice Inara Serra e i ricercati fratelli Tam.
Anche se il conflitto fratricida è un lontano ricordo, l’Alleanza ha messo una taglia sulla testa di Mal e Zoë. Boss Moon, leader del commando di Unificatori incaricati della cattura dei due ricercati, arresta Mal che accetta di farsi catturare per salvare i suoi amici.
Boss e Mal, però, scoprono di avere in comune più di quanto potevano immaginare. Sono entrambi soldati delusi dalla guerra e le loro granitiche convinzioni si sono, con gli anni, sgretolate. Costretti a unire le forze per salvarsi, capiranno che questo conflitto deve essere lasciato dov’è: nelle pieghe del passato.
Nel frattempo, Inara riprende il suo ruolo di ambasciatrice e tratta sul pianeta New Magistrar con il governatore Paul Tomlison il destino di Mal, mentre Zoë chiama a raccolta le Giubbe marroni per salvare il loro leggendario compagno.
Alle calcagna di Boss Moon e Mal si ritrovano a convergere sullo stesso obiettivo: una flotta di bombardieri dell’Alleanza, una squadriglia di incursori degli Unificatori e diversi plotoni di Giubbe marroni.”

Ripetere i propri errori

Come riassumere in pochi capitoli la natura umana? Firefly Vol 3 In fuga dal passato lo fa in modo egregio. Come evince il titolo stesso, lasciarsi alle spalle il passato non è quasi mai una cosa fattibile. Prima o poi tornerà prepotentemente a bussare alla tua porta, con tutti gli interessi, che nel caso del ricercato Reynolds non sono pochi.

Il precedente volume ci lasciava con l’equipaggio frammentato in piccoli gruppi, con l’obiettivo di portare in salvo il proprio capitano. Quest’ultimo è in compagnia di Boss Moon, in apparenza appartenente al fronte nemico degli Unificatori. Ma questi dodici capitoli totali dell’opera, fino ad ora, ci hanno insegnato che amici e nemici sono soltanto parole. Alla fin fine non finiscono per essere quel che si pensava. Si cambiano i fronti, si creano alleanze inaspettate, addirittura fioriscono nuove amicizie ed amori. Tutto ciò fa da cornice a qualcosa di più ampio che converge in questo finale.

Tutto sembrerebbe aver portato ad una nuova guerra, fatta da esaltati che, non imparando dal proprio passato, dalle esperienze e dal prezzo che hanno pagato, desiderano nuovi spargimenti di sangue. L’Alleanza, gli Unificatori, le Giubbe marroni degli Indipendentisti, i fronti sono molteplici e sembrano spuntarne di continuo in un tutti contro tutti.

Campo di battaglia

Nel secondo volume di Firefly, probabilmente il più potente a livello emotivo grazie all’utilizzo dei flashback sulla guerra, abbiamo visto i campi di battaglia, ma solo attraverso i ricordi dei due protagonisti, Mal e Zoë. Questa volta, ne vedremo i resti e da questi l’emergere di un nuovo sanguinolento conflitto. Pronto a mietere nuova carne da macello.

Gli autori riescono ad imprimere al meglio nelle tavole, e attraverso la sceneggiatura, l’inizio di un nuovo scontro contrapponendo gruppi di fanteria, navi spaziali e armi di distruzione di massa. Forte dei testi che indirizzano i primi momenti del come la situazione precipiterà in modo perpetuo, senza sosta, andando a sorprendere il lettore a causa dei continui colpi di scena che si susseguono in modo estremamente veloce, come se ci trovassimo veramente sul campo di battaglia. Ed ecco che quando tutto sembra andare, finalmente, per il verso giusto, che vi esce un inaspettato personaggio che va a peggiorare la situazione. Un personaggio che si rivelerà fondamentale, anche per un possibile futuro della serie

Firefly Vol 3 In fuga dal passato si riconferma anche in questi ultimi 4 capitoli, una storia che fa del lato umano il fulcro. Ma senza lasciare mai al caso gli avvenimenti, divertendo e facendo riflettere. A differenza dei due precedenti cartonati, la vena comica che ha contraddistinto l’opera ed i personaggi qui è meno marcata, a causa dell’opprimente ambientazione che avvolge la storia. Ma non per questo assente, solo più delicata, come se profondasse dentro nel momento in cui l’orrore prende il sopravvento.

Dan McDaid ai disegni non si smentisce. Mantiene il suo tratto forte, spesso, ma comunque dettagliato, capace di imprimere nella pagina ciò che provano i personaggi. In chiusura al volume l’immancabile cover gallery, che arricchisce ulteriormente questo splendido universo narrativo.

Continuate a seguire le nostre news sulle pagine Social Facebook, Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero. Potete seguirci anche su Youtube e Twitch!

By Davide Zanella

Giovane appassionato del mondo nerd, ho iniziato ad immergermi in questo mondo un po' come tutti quelli della mia generazione. Catturato dai film Marvel dello scorso decennio sono passato alla controparte cartacea, finendo ad espandermi in altre realtà. Ora provo a far conoscere a più persone possibili la mia passione cercando di parlarne al meglio. Mi potete trovare anche su instagram in @riccidanerd

Potrebbe piacerti anche...