Crea sito

Hedy Lamarr, la donna più straordinaria del mondo – Recensione

Giorni fa abbiamo ricevuto da Edizioni BD, Hedy Lamarr, la donna più straordinaria del mondo, un romanzo biographic novel di William Roy e Sylvain Dorange ispirato ovviamente alla vita di Hedy Lamarr, attrice nota per il film di Gustav Machatý che nel 1933 suscitò un certo scandalo.

Oggi è nota soprattutto come una stella tra le più luminose della Golden Age di Hollywood, al pari di Judy Garland e Clark Gable; ma la vita di Hedy Lamarr, nata a Vienna e vissuta poi negli USA, nasconde colpi di scena e segreti che hanno segnato la storia dell’umanità.

Iniziamo dunque a parlare del tratto meno noto dell’attrice nonché quello della sua intelligenza. Infatti Hedy ha studiato ingegneria inventò un sistema di trasmissione, passato – poi – alla storia come brevetto 2,292,387, donato e utilizzato dalla Marina degli Stati Uniti durante la II Guerra Mondiale. Un brevetto che è diventato la base per i sistemi wireless e dal quale la donna non guadagnò mai nulla.

Ma si sa, lo stereotipo è duro a morire. Un luogo comune, politicamente tutt’altro che corretto, che, nonostante sia stato ridimensionato nella cultura degli ultimi anni, si mantiene piuttosto saldo, nascosto sotto la superficie e nell’immaginario collettivo: “Più sono belle, più sono stupide”. Quindi il pregiudizio nei confronti dell’attrice era quella di essere una bella donna.

Liquidare come stereotipo sessista e soprattutto privo di fondamento così a lungo e in modo così radicato e se vi sia una possibile correlazione effettiva tra bellezza e capacità, potrebbe essere una semplificazione troppo frettolosa. Ma non siamo qui a discutere di questo infinito capitolo d’ignoranza sociale.

La scrittura di William Roy è davvero formidabile. Infatti l’autore va ben oltre quella che può essere una biografia di un personaggio storico. La narrazione e i dialoghi di Hedy Lamarr, la donna più straordinaria del mondo risultano molto piacevoli. questo è una plus che l’autore aggiunge all’opera tutta proprio per non appesantire il lettore e questa biographic novel un po’ a portata di tutti.

Una lettura emozionante. Dall’inizio alla fine.

Ma il compito di Roy è abbastanza chiaro. Ciò che questo romanzo grafico mostra, tra le altre cose, è come la vita di Hedy Lamarr a quell’epoca gli calzasse stretta. Un epoca collegata ai tempi del nazionalsocialismo e la seconda Guerra Mondiale che hanno avuto un’influenza decisiva sulla sua vita, anche se indirettamente, di tutti e soprattutto – in questo caso – sulle donne e le minoranze. Fortunatamente l’autore enfatizza anche il genio di Lamarr portando alla ribalta la parte meno conosciuta che per anni è stata bistrattata.

I disegni di Sylvain Dorange accompagnano deliziosamente questo racconto con uno stile europeo quasi retrò tendente quasi agli anni ’50. I disegni e la colorazioni davvero molto piacevoli.

L’edizione fisica è superlativa. Infatti Edizione BD ne fa un cartonato elegantissimo con una sfumatura tendente al blu ed ovviamente Hedy Lamarr in tutto il suo splendore. Carta, al solito, top!

In conclusione, Hedy Lamarr, la donna più straordinaria del mondo è un’opera veramente interessante. La particolarità dell’opera, nonchè il vero punto di forza, risiede nel come sia Roy che Dorange trattano Hedy Lamarr. Non è infatti stilizzata come un’icona, ma è trattata con rispetto, interesse e affetto.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social Facebook  e InstagramTwitter e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero.it