Crea sito

I giorni della sposa – Recensione

Kaoru Mori é una mangaka specializzata nei seinen storici e nei quali pone grande attenzione verso l’universo femminile.
Questa sua caratteristica, già sperimentata nelle sua opera precedente “Emma – una storia romantica” lavoro che l’ha resa famosa al grande pubblico, viene ribadita all’interno de “I giorni della sposa”. In Italia l’opera è edita da J-pop manga e ormai alla pubblicazione del suo 12esimo volume.

Nel 2012 ha vinto il premio “Intergénérations” del Festival international de la bande dessinée d’Angoulême, la seconda più grande manifestazione dedicata al fumetto in Europa.

L’opera è ambientata in Asia centrale, lungo la “Via della Seta” importante rotta commerciale che collegava l’Asia Centrale e il Mediterraneo. In questa suggestiva ambientazione Amira, ragazza ventenne, viene mandata dal suo villaggio per sposare Karluk, più giovane di lei di ben 8 anni. Dopo le difficoltà iniziali, il loro rapporto diventa sempre più solido e la ragazza inizia ad ambientarsi nella nuova comunità. Ma questa pace non sarà destinata a durare, i parenti della sposa sono decisi a riprendersi Amira contro la sua volontà.

La forza di quest’opera sta nella sua coralità. I protagonisti principali sono circondati da tante altre forti personalità, caratteristica che lo rende sempre intetessante e nuovo.

Nel villaggio di Karluk é presente anche un occidentale, il Sig. Smith, studioso inglese, che si trova lì per delle ricerche. Spesso ci troveremo a immedesimarci in questo personaggio e a leggere la storia attraverso i suoi occhi, scrutando una terra sconosciuta con tutta la curiosità verso abitudini e costumi tanto lontani da noi. Grazie ai suoi spostamenti scopriremo altri luoghi ed altre spose e le loro tradizioni.

Nonostante sia uno slice of life la struttura narrativa scelta dall’autrice permette di affrontare la quotidianità dei protagonisti senza risultare noiosa, il racconto principale viene intervallato alle sottotrame, come in una danza, passo dopo passo i protagonisti sono destinati a rincotrarsi.

Si susseguono scene di azione e scene descrittive, non mancano momenti di tensione, ma molti sono i momenti distensivi e divertenti. L’opera risulta veramente completa e matura.

I disegni di Kaoru Mori sono sorprendenti, dettagliati fino all’inverosimile, i costumi dei protagonisti sono rifiniti nei particolari, le stoffe sono piene di ricami e di dettagli sensazionali. Le tavole sono palesemente il risultato di un profondo studio della mangaka, evidente dai luoghi, dalle abitazioni, dai costumi, dagli atteggiamenti dei personaggi. Tutto trascina il lettore all’interno dell’ambientazione con prepotenza.

La parte più interessante dell’opera é la possibilità di scoprire e imparare tradizioni totalmente diverse dalle nostre che, per questo risultano estremamente affascinanti, narrano abitudini riguardanti le spose e la loro quotidianità in vari paesi dell’Asia. Riti preparatori al matrimonio: dai banchetti alla preparazione dei corredi composti da stoffe rigorosamente ricamate a mano.

Quello che traspare durante la lettura é un profondo senso di appartenza alla famiglia e alle proprie radici, le donne anziane trasmettono alle proprie figlie e nipoti le loro conoscenze per renderle donne forti capaci di portare avanti la loro famiglia e di trasmetterle a loro volta. L’evoluzione e la crescita dei personaggi é costante volume dopo volume.

Nonostante il periodo storico e la concezione femminile dell’opoca la sensei dipinge delle donne forti e fiere, che non si abbattono nonostante le difficoltà. Donne estremamente sensuali ed affascinanti, dai corpi morbidi e sinuosi. I suoi personaggi sono caratterizzati da occhi grandi e pieni di espressività.

Nelle tavole si trovano molti scorci naturalistici ricchi di animali resi con un realismo tale che a volte sembra quasi difficile credere di essere davanti a un’opera a fumetti.

L’edizione della jpop é impeccabile e di pregio, i volumi presentano sovraccoperta in carta ruvida e luccicante. I toni maggiormente usati per le copertine sono quelli dell’oro e dei metalli preziosi, come se questa fosse un’opera da custudire come un prezioso tesoro.

Se amate le opere di ambientazione storica capaci di insegnarvi qualcosa. Se vi affascinano le donne forti e combattive non potete lasciarvi sfuggire “I giorni della Sposa”. Un racconto corale che vi sorprenderà per la sua struttura narrativa variegata e per niente noiosa, ricca di tavole dettagliate e realistiche.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero