Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

Jundo – Novità 08/21

Jundo – Novità 08/21

Delicato e riflessivo, il 13/08 è sbarcato Idol di Alessandra Patané, in arte Alyah, già celebre in Italia per aver pubblicato Greedy Flowers, la serie in sette volumi targata Shockdom, nonché Ctrl-Z e il suo spin-off Contrast per Panini Comics. Idol unisce tematiche molto delicate come quelle delle malattie mentali al genere romance lgbtq+ e l’ambiente k-pop, che si lega strettamente al titolo. Qui la sinossi:

«Kai vive in una piccola baia poco frequentata a non molti km da una cittadina costiera della California. Ha sempre vissuto in un mondo completamente suo, ma una mattina una melodia, un incontro, scardinerà e stravolgerà completamente la sua vita.»

ALYAH

Alessandra Patanè (chiamata da tutti ALYAH), è nata in Sicilia e ha vissuto in qualunque altra regione tranne che in quest’ultima. Vive attualmente a Oslo, in Norvegia. Ha studiato architettura e grafica a Roma e frequentato la scuola internazionale di comics per realizzare la carriera dei suoi sogni: fare la fumettista ma soprattutto raccontare storie. Ha debuttato nel 2014 con la serie “Greedy Flower”, nata inizialmente come webcomic su facebook e successivamente pubblicata da Shockdom. Parallelamente a quest’ultimo fumetto Alyah disegna CTRL-Z, progetto che poco dopo viene presentato, esaminato e accolto dalla scuderia PANINI COMICS nel 2017 e che prosegue per 4 volumi più uno speciale e un artbook fino al 2020. Nel periodo della pandemia pubblica il webcomic Idol: una sequenza di vignette narrate su facebook, per allietare un po’ gli animi allora tesi dei lettori in lockdown.

Il titolo che inaugura le collaborazioni francesi di Jundo è Tebori, in arrivo il 23/08 sulla piattaforma, scritto dall’inossidabile team José Manuel Robledo, sceneggiatore, e Marcial Toledano, disegnatore. I due si sono conosciuti all’Università di Madrid nei 2001, e da allora non hanno più smesso di lavorare insieme, pubblicando per Dargaud Ken games e il prequel LouviersW 2.2 e Opération Félix. Ecco la sinossi di Tebori:

«Yoshi, un ragazzo giapponese indisciplinato, viene affidato da suo padre a Seijun, un grande maestro di tatuaggi. Contro ogni previsione, il ragazzo impara assiduamente l’arte, compresa la complessa tecnica del tebori. Dieci anni dopo, Seijun confida i suoi segreti alla sua allieva: i suoi clienti sono temuti yakuza, e ogni tatuaggio ha un significato preciso, spesso legato a degli omicidi. Quando Yoshi scopre che la sua amica ha lo stesso strano tatuaggio di uno dei capi di una potente famiglia, il suo mondo cambia…»

Marcial Toledano

Nato a Talavera de la Reina nel 1980, Marcial Toledano si laurea in Belle Arti presso l’Università di Madrid.

Lì incontra José Manuel Robledo nel 2001. Da allora, non hanno mai smesso di lavorare insieme. In Francia, hanno incontrato il successo con la serie “Ken games” (Dargaud). Nel 2012, partecipano al progetto collettivo “W.W 2.2” (Dargaud) di cui hanno prodotto il volume 2, “Opération Félix”. Nel 2014 firmano “Louviers” (Dargaud), un volume unico prequel di “Ken games”. Nel 2015 iniziano a lavorare su “Tebori”, un’immersione fra i misteri dei tatuaggi tra gli yakuza.

José Manuel Robledo

José Robledo nasce a Madrid nel 1979. Studia filosofia, segue corsi di scrittura cinematografica e infine consegue una laurea in Belle Arti all’Università di Madrid.

Lì incontra Marcial Toledano nel 2001. Da allora, non hanno mai smesso di lavorare insieme. In Francia, hanno incontrato il successo con la serie “Ken games” (Dargaud). Nel 2012, partecipano al progetto collettivo “W.W 2.2” (Dargaud) di cui hanno prodotto il volume 2, “Opération Félix”. Nel 2014 firmano “Louviers” (Dargaud), un volume unico prequel di “Ken games”. Nel 2015 iniziano a lavorare su “Tebori”, un’immersione fra i misteri dei tatuaggi tra gli yakuza.

Grazie alla proficua collaborazione con la casa editrice americana Dark Horse, il 16/08 su Jundo sono arrivati i primi quattro capitoli di “Bang!”, scritto da Matt Kind (vincitore del  “Best-selling writer and artist” del New York Times) e disegnato da Wilfredo Torres, già disegnatore per Dynamite, DC Comics e Marvel. La sinossi:

«Un agente segreto di prim’ordine con ricordi che non potrebbe mai possedere, una scrittrice di gialli di ottant’anni che passa la sua pensione a risolvere crimini, un uomo d’azione con misteriose droghe che lo tengono davanti a una serie costante di disastri mirati, un’organizzazione terroristica apparentemente onnipotente che potrebbe essere dietro tutto questo… E sono tutti collegati a un uomo: un autore di fantascienza con più informazioni di quelle che sembrano possibili, i cui libri potrebbero contenere la chiave per salvare la realtà o distruggerla.»

Wilfredo Torres

Wilfredo Torres è un fumettista famoso per le sue collaborazioni con le principali Case editrici statunitensi. Tra i suoi lavori, i più famosi sono sicuramente The Shadow: Year One (Dynamite), Batman ’66 (DC Comics), Legion (Marvel) e Jupiter’s Circle, prequel del celebre Jupiter’s Legacy scritto da Mark Millar per il Millarworld. Nel 2019 si unisce al mondo dei supereroi di Black Hammer creato da Jeff Lemire e Dean Ormston e realizza i disegni di Quantum Age, spin-off scritto dallo stesso Jeff Lemire, pubblicato da Dark Horse. Nel 2020 pubblica Bang!, scritto da Matt Kindt.

Matt Kindt

Matt Kindt è un fumettista americano. Grazie ai propri lavori, si è aggiudicato prestigiosi riconoscimenti tra i quali il “Best-selling writer and artist” del New York Times. Ha collaborato con le principali Case editrici statunitensi, tra cui Marvel e DC. Per la prima, ha realizzato diverse storie di Spiderman e Wolverine, mentre per la seconda ha lavorato su serie come Suicide Squad e Justice League of America. Per la Vertigo, celebre etichetta della DC Comics, nel 2013 ha pubblicato come autore completo Revolver. Nel 2020 è entrato a far parte del mondo di Black Hammer realizzando i disegni di Black Hammer ’45 su testi di Jeff Lemire e Ray Fawkes.

Infine, il titolo che chiude le collaborazioni straniere è The golden path, un’altra storia d’ambientazione orientale in uscita il 30/08 e pubblicata originariamente da Ankama dall’autore unico Baptiste Pagani. Storyboarder e illustratore, Pagani ha lavorato non solo nell’ambiente del fumetto (pubblicando per l’etichetta 619 di Ankama), ma anche nell’animazione. Ecco la sinossi della sua opera:

«Fin da bambina, Jin Ha è stata affascinata dalla magia del cinema di Hong Kong, dove le arti marziali – in particolare il kung fu, la sua passione – hanno un posto d’onore. Nella regione cinese di Henan, si è allenata instancabilmente in un’importante scuola di kung fu. All’età di 21 anni, con il suo diploma di arti marziali in mano, ha deciso di partire per Hong Kong, dove intende perseguire una carriera nell’industria cinematografica!»

Baptiste Pagani (The Golden Path)

Storyboarder e illustratore, Baptiste Pagani lavora sia nel mondo dell’animazione che in quello dell’editoria. Ha partecipato a diversi progetti Label 619, illustrando una storia per DoggyBags #11 e per il volume 3 di Midnight Tales. È autore di Golden Path (2019) e Les Lames d’Ashura (2021), one-shot pubblicati anche sotto l’etichetta 619 da Ankama Edizioni.

Continuate a seguire le nostre news sulle pagine Social FacebookInstagram e Telegram per non perdervi mai nulla! PlayheroPotete seguirci anche su Youtube e Twitch!

Inoltre su MangaYo! potete usare il codice sconto PLAYHERO5 e ricevere uno sconto del 5%!

By Paolo Monticciolo

Tutto tutto, va bene… vi racconto tutto. Quando ero in terza ho copiato all'esame di storia. Quando ero in quarta ho rubato il parrucchino di mio zio Max e me lo sono messo sul mento per fare Mosè alla recita della scuola. Quando ero in quinta ho buttato per le scale mia sorella Heidi e poi ho dato la colpa al cane… Allora mia madre mi mandò a un campeggio estivo per bambini grassi e poi una volta non ho resistito, ho mangiato due chili di panna e mi hanno cacciato” (I Goonies, 1985)

Potrebbe piacerti anche...