Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

La Leggenda di Sleepy Hollow

La Leggenda di Sleepy Hollow è una graphic novel di Diana D. Gallese edita da Officina Milena.

La giovane autrice prende spunto da La leggenda della valle addormentata, racconto dello scrittore Whashington Irving del 1820 raccolto nell’antologia Il libro degli schizzi, per realizzare una favola dark finemente illustrata.

Fa da sfondo al racconto una piccola città mercantile di nome Tarry Town. Vicino ad essa si trova una piccola valle, apparentemente tranquilla, che per le sue atmosfere calme e trasognate é nota come Sleepy Hollow. Ma questa calma apparente in realtà nasconde un luogo fitto di leggende popolari e oscure superstizioni.

Tra queste domina quella di un cavaliere senza testa, fantasma di un soldato che finì decapitato durante una battaglia nella Guerra d’indipendenza da una palla di cannone. Ogno notte lo spettro galoppa in groppa al suo destriero alla ricerca della sua testa.

Il protagonista del racconto é Ichabod Crane giovane maestro che amava intrattenersi con le donne del posto. Il suo passatempo preferito era trascorrere le sere d’inverno davanti al focolare ascoltando storie di spettri e di fantasmi. Passione che pagava a caro prezzo nel momento di tornare a casa soggestionato dalle ombre della notte.

Ichabod si é invaghito della bella Kathrina, giovane donna capricciosa piena di spasimanti. Finalmente ha l’occasione per farsi notare dalla sua amata durante una festa a casa della donna, ma la serata si conclude con il racconto di storie di fantasmi tra le quali spicca quella del cavaliere senza testa. Deluso dall’amore e sugestionato dalle sue paure Ichabod farà uno strano incontro. É veramente il cavaliere senza testa? O sono le sue paure che prendono vita tra le oscurita della valle?

La leggenda di Sleepy Hollow é stata protagonista di numerose rievocazioni, tra le quali la più famosa é quella cinematografica ad opera di Tim Burton, alla quale inconsciamente subito facciamo riferimento appena sentiamo parlare di un cavaliere senza testa.

Le leggende popolori del resto sono sempre state fonte d’ispirazione artistica proprio per la loro grande valenza attrattiva. L’uomo è sempre  stato attirato dal mistero e da tutto ciò che mischia realtà e fantasia, alimentando incosciamente le paure chiuse nel proprio animo.

Da questi spunti nasce il bisogno dell’autrice di creare un opera in cui le paure dell’essere umano prendono vita tra sogno e realtà.

Ma in fondo si trattava di semplici paure notturne, fantasmi della mente che vagano nelle tenebre.”

Dopo le sue numerose esperienze come illustratrice Diana Gallese decide di dar vita alla sua passione per gli horror-gotici esordendo anche come autrice di questa graphic novel di cui é anche illustratrice. Le immagini a carboncino che arricchiscono il volume prendono ispirazione artisti come Francisco Goya e Luis Ricardo Falero.

Le sue illustrazioni hanno un grande effetto evocativo. I neri dei suoi carboncini trasmettono tutta l’atmosfera cuba e onirica dell’opera accompagnando il lettore durante la lettura. Le immagini hanno una forza comunicativa tale che spesso si sostituiscono al testo veicolando in modo egregio lo stato d’animo del lettore.

Le immagini si intervallano al testo e nonostante la sua brevità l’opera risulta molto coinvolgente. Si intuisce la necessità dell’autrice di catturare l’attenzione del lettore attraverso i suoi disegni riuscendo ad inculcare sentimenti di inquietudine e di terrore velati dalle nebbie della valle addormentata.

Lo stile narrativo richiama la prosa di inizio ‘800 creando un forte punto d’unione con l’opera originale.

L’autrice indaga l’animo umano considerando l’uomo il creatore dei suoi mostri e lanciando uno spunto di riflessione. Quanto la realtà influenza la fantasia e quanto la fantasia influenza la realtà?

Il grande formato dell’Edizione di Officina Milena permette di godere a pieno delle illustrazioni. Il volume infatti può essere anche considerato come un artbook da sfogliare nei momenti di relax.

Alla fine del racconto sono presenti numerosi bozzetti preparatori ma anche un approfondimento. L’autrice spiega il suo punto di vista sull’opera e le motivazioni che l’hanno spinta alla realizzazione del libro illustrato.

Se amate le atmosfere dark e gotiche e volete immergervi in una lettura che vi trascini a fare i conti con le vostre paure. La leggenda di Sleepy Hollow é quello che fa per voi. Insieme a Ichabod Crane vi immergerete nelle nebbie della valle addormentata fino a scontrarvi col famigerato cavaliere senza testa.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero

By Filomena Addivinola

Potrebbe piacerti anche...