Crea sito

Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

Love: Il Cane – Recensione

Love il cane - Saldapress -

Una storia muta con unici protagonisti, gli animali, vi ammalierà grazie ad una grafica incredibile, Love – Il Cane, è finalmente qui. Siete pronti ad affrontare la fauna Australiana senza scrupoli?

Di cosa parla Love? Semplicemente di un cane che accompagna il suo padrone in una battuta di caccia. Il preambolo dura pochissime tavole e se non fate attenzione, potreste non notare quello che poi, vi colpirà di sorpresa. Esattamente come al cacciatore forse troppo sicuro della potenza del suo fucile, non scorge un serpente velenoso che scruta ogni suo passo nell’ombra, conscio che la sopravvivenza è un atto crudele e istintivo, il rettile approfitta della distrazione del mastino, incuriosito dalle gazzelle all’orizzonte.

L’attacco fulmineo è letale, l’uomo disteso al suolo senza respiro, lascia cadere l’arma a cui tanto si era affidato, il cane corre e caccia la serpe, ma per il suo padrone è troppo tardi. Circondato dagli animali feroci, il nostro eroe a quattro zampe dovrà cercare di tornare a casa portando salva la pelle, missione fin troppo difficile, ve lo assicuro.

“Successo internazionale”

I racconti indipendenti confezionati e portati in Italia da Saldapress, hanno raccolto ben tre candidature agli Eisner Awards, i suoi due autori, Frédéric Brrémaud (Brindille, Riccardo cuor di Leone e tante altre gioie del fumetto Francese) e Federico Bertolucci (Disney Italia, W.I.T.C.H., PK e Monster Allergy) hanno confezionato delle storie intense, dando il giusto peso, finalmente, al ruolo del ciclo naturale delle cose, crudele e magnifico nel medesimo istante.

“Natura crudele, muta e roboante”

Il fumetto in essere non contiene alcun dialogo, ma questo silenzio intrinseco della natura selvaggia, diventa improvvisamente caos. Rabbioso nella furia della sopravvivenza, ora silente durante la concentrazione della caccia di un falco che plana in cerca di cibo. Il coraggio del duo sopra citato, si palesa nel mutare ogni tipo di suono, sia ambientale che animale. Questa scelta solo apparentemente comoda, in realtà dona una nuova forza al racconto. Dove l’immersione diventa totale, facendovi sentire parte integrante del progetto.

“La sopravvivenza non conosce pausa”

il ritmo di Love è palpitante, il cacciatore diventa preda nell’arco di pochi attimi, il fallimento spesso concerne con la morte e questo ciclo viene ripetuto all’infinito. Altro lampo di genio, mostrare scene anche sconnesse fra loro, per non dare modo al lettore di pensare che il ciclo si sia interrotto anche solo per qualche istante. Dove un ornitorinco sopravvive, un vombati muore. La legge del più forte è l’unico perno della ruota naturale, e noi uomini dobbiamo rispettarlo sempre.


“Disegno al top”

E senza dialogo, senza suoni, l’attenzione è tutta nel disegno, e non potevamo chiedere di meglio! Love è praticamente perfetto sotto ogni punto di vista. Ogni elemento ha un suo carattere, una storia da raccontare, nella flora selvaggia, complice inconsapevole del prossimo attacco a sorpresa, nella fauna, riprodotta con estrema cura nel ringhio dei predatori, negli occhi curiosi di un cucciolo di canguro che ancora non conosce il rischio dell’innocenza. Un fumetto impressionante senza ombra di dubbio.


Continuate a seguire le nostre news sulle pagine Social FacebookInstagram e Telegram per non perdervi mai nulla! PlayheroPotete seguirci anche su Youtube e Twitch!

By Gioele Carraro

Potrebbe piacerti anche...