Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

MY GENDERLESS BOYFRIEND

MY GENDERLESS BOYFRIEND

Una storia d’amore oltre i binarismi di genere

A fine settembre in fumetteria, libreria e store online

Essere se stessi ed esprimere liberamente il proprio io, senza il timore di essere giudicati e tenendo ben strette le persone che ci amano così come siamo: sono questi gli elementi al centro di MY GENDERLESS BOYFRIEND, uno slice of life divertente e a tratti geniale firmato da Tamekou, una delle autrici di manga Boys’ Love più attese del momento, che stavolta ci propone un josei fresco e originale, fra i primi a rappresentare la tematica “genderless”.

Il termine genderless indica un’identità non binaria, che può riconoscersi in più generi oppure con nessuno. In Giappone è un termine che si riferisce spesso a un’identità fluida, che accoglie sia un’identità maschile che femminile, o che si trova in contrasto con il proprio sesso biologico, e che può esprimersi nell’ambito della moda attraverso uno stile “androgino”, non conforme ai canoni estetici tradizionali.

Dopo l’annuncio della pubblicazione in Italia, avvenuto durante lo scorso Lucca Changes, il manga si appresta a conquistare il cuore dei lettori con il primo volume in uscita dal 22 settembre.

In regalo per i lettori più veloci anche una speciale card in pvc, disponibile a tiratura limitata in fumetteria, libreria e store online (escluso il sito starcomics.com).

Wako è una ragazza come tante che lavora presso una casa editrice ed è fidanzata con Meguru, un ragazzo genderless seguitissimo sui social e ossessionato dal trucco e dalla moda. La natura del loro rapporto e il genere di Meguru vengono spesso confusi dagli sconosciuti, che credono che la loro sia una relazione tra ragazze. Il risultato di questa incomprensione non può che generare situazione comiche e gag divertenti. Ma tutto ciò non disturba affatto i due fidanzati, innamoratissimi l’uno dell’altra e sempre più uniti. Se Meguru cura così tanto il suo aspetto, infatti, è solo per amore di Wako. Lei, per tutta risposta, lo considera la sua star del cuore!

Il manga, un travolgente fiume in piena di dolcezza e romanticismo, riesce ad affrontare con garbo e ironia la tematica genderless e ha persino ispirato in patria un live action intitolato Colorful Love: Genderless Danshi ni Aisareteimasu, andato in onda a partire dal mese di aprile 2021.

Tamekou ci regala una tenera storia di inclusione e accettazione che, abbracciando il tema della fluidità di genere, porta a riflettere sulla libertà di espressione.

IL CONTEST PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL PRIMO VOLUME

I lettori saranno protagonisti di un contest dedicato alla serie. Ispirandosi al super influencer Meguru, i partecipanti dovranno postare su Instagram una foto e aggiungere l’hashtag #mygenderlessboyfriendcontest. Viene lasciata massima libertà per quanto riguarda il soggetto dello scatto. L’unico vincolo è la presenza del volume 1 di MY GENDERLESS BOYFRIEND e della speciale card in pvc in regalo.

Il contest avrà inizio a mezzanotte del 22 settembre 2021 e si chiuderà alle 12:00 del 6 ottobre. Le 5 foto con più like saranno le vincitrici del contest. La nostra redazione contatterà via direct i rispettivi autori.

In palio una stampa in formato A4 di una illustrazione realizzata da Tamekou-sensei!

Continuate a seguire le nostre news sulle pagine Social FacebookInstagram e Telegram per non perdervi mai nulla! PlayheroPotete seguirci anche su Youtube e Twitch!

Inoltre su MangaYo! potete usare il codice sconto PLAYHERO5 e ricevere uno sconto del 5%!

By Paolo Monticciolo

Tutto tutto, va bene… vi racconto tutto. Quando ero in terza ho copiato all'esame di storia. Quando ero in quarta ho rubato il parrucchino di mio zio Max e me lo sono messo sul mento per fare Mosè alla recita della scuola. Quando ero in quinta ho buttato per le scale mia sorella Heidi e poi ho dato la colpa al cane… Allora mia madre mi mandò a un campeggio estivo per bambini grassi e poi una volta non ho resistito, ho mangiato due chili di panna e mi hanno cacciato” (I Goonies, 1985)

Potrebbe piacerti anche...