Crea sito

Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

Old School Essentials – Recensione

Cos’è Old School Essentials se non la storia? Un gioco di ruolo retro-clone modellato sui vecchi titoli che hanno appassionato e cresciuto molti giocatori negli anni ’70 e ’80. Dopo tanta attesa, il gioco, creato dalla Necrotic Gnome e distribuito in Italia dalla Need Games, è a noi disponibile da settembre. È possibile scegliere tra la versione a scatola nera, contenente diversi manuali tutti specifici, o nel manuale unico contenente tutte le regole necessarie ad intraprendere il vostro viaggio verso l’infinito e oltre.

La Storia

Dentro il manuale di Old School Essentials (o manuali, nel caso in cui scegliate la versione in scatola nera) troverete tutto quello che ha fatto da capostipite al mondo dei giochi di ruolo, partendo dalle regole basate sui manuali Basic/Expert (abbreviato in B/X) e terminando alle illustrazioni in pieno stile anni ’80. Vivrete tante emozioni, sia che voi siate vecchi fans, sia che siate dei novizi alle primissime armi. All’interno dei manuali trovate tanto materiale, dalle regole per la creazione del personaggio, alla sezione dedicata ai mostri che hanno fatto la storia. Dai tesori di origine naturale o magica alle magie vere e proprie. C’è inoltre la sezione che interessa i soli dungeon masters, qui chiamati Arbitri (referee) come un tempo. Ambientazioni, mostri, tesori e png sono tutti qui descritti.

Un Lavoro Minuzioso
Il team della Necrotic Gnome ha creato un prodotto ad opera d’arte. Nonostante si siano mantenute le stesse regole delle versioni da cui si sono ispirati, queste sono state, se si può usare il termine, migliorate. Gli accorgimenti fatti sono di tre tipi:
– hanno risolto le ambiguità e le omissioni, rendendo comprensibili alcune regole poco chiare;
– hanno esteso la portata di alcune regole, implementandole in situazioni dove servivano;
– infine hanno aggiunto due nuove regole opzionali.
Questo permette una migliore esperienza di gioco evitando situazioni di stallo o diatribe tra giocatori, nonostante la presenza dell’arbitro.

A tal riguardo, nonostante tutte queste dettagliate modifiche ed i miglioramenti apportati, dopo aver appreso per bene il regolamento, il manuale fa presente che nessuna di queste regole è sacra. Avete la possibilità di cambiare, sostituire o eliminare a vostra scelta una o più regole a vostro piacere. Negli ultimi anni, inoltre, sono stati creati diversi giochi ispirati all’edizione B/X. Potrete utilizzare quest’ultimi accorpando regole, oggetti, mostri o altro a vostro piacere. Old School Essentials è totalmente compatibile.

Le Vecchie Regole

Con l’arrivo della quinta edizione di Dungeons&Dragons, molti neofiti si sono avvicinati al mondo dei giochi di ruolo. Questo grazie alle regole semplici dell’ultima edizione. Old School Essentials dà un approccio ancora più basilare ai novizi, facendo l’occhiolino a chi ha giocato la B/X ai tempi che furono. Le razze sono assenti, tanto che Elfi, Nani ed Halfling sono considerate classi. Quest’ultime hanno degli incantesimi in comune che possono essere di solo due tipi: arcani e divini. Gli elfi, ad esempio, utilizzano lo stesso elenco di magie del mago.

Un’altra regola ripresa e migliorata è quella del THAC0 (to hit AC 0). Questa indica, tramite una tabella, il valore necessario per colpire un avversario e dipende sia dalla classe che dal livello. Questa regola può risultare complessa, specie per chi è abituato ad utilizzare la versione con classe armatura(CA) ascendente (per altro è una regola opzionale presente). Questo perché meno CA avrete, più sarà difficile colpirvi. Destrezza ed armatura, infatti, diminuiranno il vostro punteggio d’armatura. Questa, insieme a molte altre regole, formano un regolamento completo, comprensibile e soprattutto compatibile, come già detto, con tutte le versioni retro-clone sul mercato.

Le Illustrazioni

Gli illustratori che hanno lavorato al progetto sono davvero troppi per nominarli tutti. Una menzione speciale però va fatta al loro lavoro. Grazie a molte delle illustrazioni presenti nei manuali è possibile rivivere o semplicemente vivere (per chi non era ancora nato) quell’atmosfera spensierata e sognante che c’era intorno ai primi tavoli in cui si giocava a Dungeons&Dragons. Molte colorazioni in bianco e nero, lasciate volutamente senza colori, con giochi di luci ed ombre disegnate perfettamente in pieno stile anni ’80. I disegni color pastello invece, che dividono una sezione dall’altra, sono evocative e dettagliate, perfette per ispirare giocatori e master prima, durante e dopo una campagna.

Dentro la Quercia

Dentro la Quercia è un’avventura per bassi livelli acquistabile sul sito della Need Game basata sulle regole Old School Essentials. Vi permetterà di iniziare al meglio la vostra nuova avventura in questo mondo pieno di mostri, magia e tesori. Quale miglior modo, quindi, se non andando nel sottosuolo mitico? Affettando lucertoloni a destra e a manca ed evitando trappole mortali, riuscirete ad arrivare alla fine? Se la risposta è sì: bravi! Ma sappiate che l’arbitro può aggiungere nuovi livelli per creare un dungeon senza fine. Sarete abbastanza coraggiosi in quel caso?

In Conclusione

Old School Essentials è un gdr retro-clone che vi farà immergere nuovamente, o per la prima volta, in un’ambientazione vecchio stile. Non solo grazie alle regole riportate e migliorate, ma anche grazie al comparto grafico eccellente. Un manuale versatile che vi permetterà di utilizzare tutto il materiale della vecchia versione B/X o di qualsiasi altra versione ad essa compatibile. Con semplicità ma anche innovazione, la Need Games ha messo sul mercato un’opera attesa da molti, che farà appassionare le nuove leve e sognare i vecchi compagni d’armi.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e  Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero

By Riccardo Avvenimenti

Ma a un certo punto, quasi istintivamente, ci si volta indietro e si vede che un cancello è stato sprangato alle spalle nostre, chiudendo la via del ritorno. Allora si sente che qualche cosa è cambiato, il sole non sembra più immobile ma si sposta rapidamente, ahimè, non si fa in tempo a fissarlo che già precipita verso il confine dell'orizzonte, ci si accorge che le nubi non ristagnano più nei golfi azzurri del cielo ma fuggono accavallandosi l'una all'altra, tanto è il loro affanno; si capisce che il tempo passa e che la strada un giorno dovrà pur finire.

Potrebbe piacerti anche...