Crea sito

RADIATION HOUSE 5 – Recensione

RADIATION HOUSE 5 - RECENSIONE

Radiation HouseNaoki Fujimoto, un ragazzo di tredici anni, viene portato d’urgenza in pronto soccorso, ma solo per constatare la morte ormai avvenuta. Non ha traccia di ferite sul corpo e i dottori imputano il decesso misterioso a una commotio cordis. Onodera, il capo dei tecnici di radiologia, parla ai genitori di Naoki della necessità di eseguire un’A.I., ossia una serie di esami diagnostici post-mortem, per indagare con più precisione le cause della morte del ragazzo. Tuttavia, nonostante le molte insistenze, i due non sembrano per nulla intenzionati ad accettare…”

Proseguono le storie di Iori Igarashi e di tutto il team del reparto di radiologia dell’ospedale Akamasu con Radiation House, giunto al suo quinto volume e pubblicato, come sempre, dalla J-pop.

Frutto del lavoro di Tomohiro Yokomaku e Taishi Mori, il manga riprende da dove lo avevate lasciato precedentemente e porterà avanti un unico racconto.

UNA MORTE MISTERIOSA

Questa storia è particolarmente toccante in quanto parla di un ragazzo di tredici anni deceduto di una morte misteriosa; la volontà dello staff di radiologia nel voler fare un’autopsia tramite A.I. virtuale per scoprire la causa della morte risulta essere il tema principale.

Tutto questo andrà in contrapposizione ai genitori del ragazzo, in particolar modo al padre, che si rifiuta categoricamente.

Inizialmente il volume vi sembrerà lievemente noioso e pesante. Le prime parti verranno utilizzate per spiegare il sistema con cui funzionano le autopsie in Giappone, in base ai loro collegamenti o meno con possibili crimini.

I due autori spiegheranno anche delle numerose persone che giornalmente in Sol Levante muoiono per cause misteriose. E che, proprio per mancanza dell’autopsia, non si scoprirà mai la verità.

Questa cosa, per un lettore, può sembrare apparentemente poco interesse ma dalla sua metà, il manga prosegue con la sua storia riuscendo a ricreare quell’empatia tipica, che porta chi legge a immedesimarsi con i vari personaggi.

IL SOGNO DI UNA FAMIGLIA

Farete conoscenza di una famiglia non proprio felice, non proprio perfetta e scoprirete che il ragazzo è frutto del matrimonio precedente della madre. Scoprirete le varie tensioni che si sono create all’interno di questo nucleo.

Anche qui gran parte del lavoro sarà svolto dal protagonista Igarashi che dimostrerà la sua grande abilità riuscendo a capire molte cose da solo.

Questo risulterà però essere un piccolo aspetto negativo in quanto il suo comportamento sarà molto più simile a quello di un detective di un manga poliziesco rispetto a quello di un operatore sanitario; cosa che lo porterà un po’ fuori dal suo personaggio e risulterà lievemente stonare con l’insieme.

Come in ogni volume la storia vi porterà ad approfondire la conoscenza di un personaggio secondario. In questo caso il capotecnico dell’ospedale che sarà particolarmente coinvolto. Questo farà presumere al protagonista che possa aver avuto qualche trascorso con le A.I.

MEDICO E TECNICO: QUANDO IL CONFINE SI ASSOTTIGLIA

Sul finale scoprirete che al protagonista si prospettano dei guai poiché molto spesso farsi notare ed eccellere può creare invidia ed astio. Siamo venuti recentemente a conoscenza che il manga, in patria, è entrato in stato di hiatus con il nono volume e l’ipotesi di una sua ripresa non a breve.

Questo non è raro nei manga che di solito porta ad un bivio: la ripresa del manga oppure la sua  interruzione definitiva. Ovviamente – come tutti – speriamo nella ripresa e nel poter tornare a leggere con regolarità le vicende dei protagonisti.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine social Facebook  e InstagramTwitter e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero.it