Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

Samuel Stern 24 Duncan – Recensione

Con Samuel Stern 24 si conclude il secondo anno editoriale dell’eroe di casa Bugs Comics con la seconda ed ultima parte della prima storia che si dirama in due albi. Tutto quel che è stato raccontato ha portato a questo momento, attraverso una narrazione caratterizzata da un ritmo sempre più serrato, con una trama, numero dopo numero, più orizzontale. Dopo l’inizio della battaglia e lo sconvolgente approfondimento su Padre Duncan nel numero precedente, Samuel Stern 23 – Il bene più grande (qui la nostra recensione), lo stesso team ci accompagna in questo finale.

Questo mese, per celebrare un traguardo importante ed un momento cruciale per la vita del rosso e dei suoi comprimari, Bugs Comics pubblica l’albo con due copertine da collezione. Entrambe caratterizzate da un primo piano, la prima vede il volto di Samuel diviso a metà. Una parte umana ed una demoniaca. La stessa cosa nella seconda, con la faccia, però, di Duncan, che dà il titolo a questo numero. In fondo noi tutti coviamo dentro noi stessi un qualcosa di malvagio. Due colleghi, ed amici, entrambi evidenziano uno sguardo deciso, serio e pronto, quasi ad anticipare un inevitabile scontro tra di loro. Un confronto tra due pensieri che nel corso dei mesi, più volte, si sono affrontati. Due modi di vedere il mondo, di superare gli eventi che hanno vissuto.

Come per l’uscita precedente, a continuare questa lunga storia, alla sceneggiatura il trio composto dai due padri, Gianmarco Fumasoli e Massimiliano Filadoro, con la partecipazione di Marco Savegnago, ormai presenza quasi fissa nelle storie dell’esorcista d’Edimburgo. Ad illustrare gli eventi un meraviglioso Luca Lamberti.

Conosci te stesso. Conosci il nemico.

In Il bene più grande abbiamo lasciato i due protagonisti, dato che anche Duncan ha un peso pari a colui che dà il nome alla serie, in prima linea. Samuel Stern in un campo di battaglia ad affrontare, letteralmente, un orda di demoni per entrare poi in contatto col centro di tutto. Il misterioso Duncan O’Connor si ritrova, invece, faccia a faccia con i propri di demoni. Il suo passato. Attraverso un esorcismo da sostenere senza il suo compagno, un esorcismo che lo cambierà. E se la prima volta era una corsa adrenalinica, Samuel Stern 24 riflette su ciò che è accaduto e su ciò che accadrà in un numero che mette insieme i pezzi delineando nuovi percorsi.

“… ma se anche quello che stiamo vedendo è una creazione del nostro cervello, indotta da forze estranee, è certo che queste forze, ora, sono qui.”

Ancora una volta il lettore dovrà dubitare delle conoscenze accumulate fino a questo momento. Sì, perché il nemico, l’avversario, è sfuggente. L’uomo è limitato ai confini della propria mente ed il diavolo si cela dietro la menzogna. Chi è il vero nemico? Gli esseri che dimorano in Legione, che cercano di passare attraverso il varco? Le forze celesti? C’è qualcun altro dietro queste entità? O è semplicemente l’essere umano? In questo numero, che guarda al passato ed al futuro, vengono rivelare finalmente le risposte, ritrovando sé stessi.

“Siamo l’intelligenza senza forma. Siamo le cellule dell’informe e la nostra esistenza è dolore”

Scontro finale

Samuel Stern 24 chiude diversi punti lasciati in sospeso nel corso dei mesi, lasciando scrutare la forma che ha preso il male scacciato dal nostro mondo. Dando spiegazioni sul motivo per cui questo tenti di far ritorno nel nostro piano d’esistenza. La mente del rosso, ormai tartassata senza sosta, sarà nuovamente messa a dura prova nel momento in cui si confronterà con la verità… e la menzogna. Duncan, invece, ripercorrendo il proprio sentiero, che l’ha portato fino a questo momento del tempo, dovrà accettare quello che è. Dopo due anni di trame i pezzi della scacchiera si stanno delineando. Ciò che era partito come una battaglia contro la corruzione dell’animo umano tra le strade d’Edimburgo si è trasformato in una guerra tra cielo ed inferno che coinvolge tutto il creato.

“… e mi è bastata per credere che nei cieli dimori la follia.”

Samuel Stern 24, fa percepire, che d’ora in poi le file di personaggi si ingrasseranno sempre più. Dopo aver presentato l’universo di narrazione degli eventi, i personaggi che lo abitano ed una forma della minaccia da combattere, non resta che materializzare gli eserciti che scenderanno in campo. Un albo fondamentale, che spazza via e ricostruisce tutto il sapere accumulato, dando lo spazio che merita uno dei personaggi chiave di tutta la testata.

Il tratto di Luca Lamberti non poteva rappresentare meglio la storia. Ogni piccolo dettaglio è al suo posto, in una lotta continua tra il caos che circonda i personaggi, regalando splash page nei momenti più cruciali. Con sfumature per rappresentare il passato e momenti oltre il tempo. La rifinitura con cui dà vita ai soldati, letterali e metaforici, è estremamente notevole. Samuel Stern 24 – Duncan è la conclusione del secondo anno editoriale, ma non è ancora il momento di abbandonare l’imbarcazione. Il finale appare ancora ben lontano in un mondo narrativo in continua crescita.

Continuate a seguire le nostre news sulle pagine Social FacebookInstagram e Telegram per non perdervi mai nulla! PlayheroPotete seguirci anche su Youtube e Twitch!

Inoltre su MangaYo! potete usare il codice sconto PLAYHERO5 e ricevere uno sconto del 5%!

By Davide Zanella

Giovane appassionato del mondo nerd, ho iniziato ad immergermi in questo mondo un po' come tutti quelli della mia generazione. Catturato dai film Marvel dello scorso decennio sono passato alla controparte cartacea, finendo ad espandermi in altre realtà. Ora provo a far conoscere a più persone possibili la mia passione cercando di parlarne al meglio. Mi potete trovare anche su instagram in @riccidanerd

Potrebbe piacerti anche...