Crea sito

Shōjo, che passione!

Shōjo, che passione!

Quante volte abbiamo invidiato i nostri genitori perché quando erano giovani loro c’erano i Beatles?! C’è una cosa che però tutti invidieranno della mia generazione: quando ero giovane io, c’erano gli shōjo!!

Ecco una selezione di shōjo manga di una bambina degli anni ’90, ragazza nei primi 2000, che ne ha potuto vivere il boom nelle edicole, nelle fumetterie e alla tv. Che ha potuto conoscere opere diventate poi dei cult di quegli anni e della storia intera dei manga. Ma cosa sono gli shōjo? Un termine che è diventato quasi una definizione di un’intera categoria di opere ben precise, che in realtà non è un vero e proprio genere, bensì un target.

Vengono raggruppati sotto il termine shōjo, quelle opere che sono state pubblicate su riviste come Ribon e Betsuma (Shūeisha), Ciao (Shogakukan), LaLa (Hakusensha) e Nakayoshi (Kodansha), il cui target di lettori sono bambine e giovani ragazze.

Pertanto succede spesso che le opere classificate come shōjo, siano in realtà molto diverse tra loro, spaziando tra generi e sentimenti diversi. È per questo che è sempre difficile fare una classifica delle migliori, perché, oltre alla grande varietà, parlando in particolare di sentimenti, l’effetto che hanno sul lettore è diverso da persona a persona e può addirittura cambiare nel corso della vita. E questo è quello che è successo sicuramente a noi bambine anni ’90 che siamo cresciute a pane e shōjo.

7 erano i nani, 7 le sfere del drago e 7 saranno le coppie di shōjo che mi aiuteranno a raccontare cos’è stata l’esperienza di una lettrice accanita che, grazie a queste opere, a partire dagli anni ’90, ha conosciuto un intero mondo di fantasia e si è appassionata alla lettura di manga, e non solo, e alla cultura di un intero paese. Così com’è successo a tante e tanti miei coetanei in quegli anni.

E allora, in ordine di prevedibilità ed epicità ecco gli shōjo del mio cuore:

  • I CLASSICONI: Marmalade Boy di Wataru Yoshizumi e Cortili del Cuore di Ai Yazawa

La coppia di opere che non poteva che essere in prima posizione. Insieme, come sono legate da un legame di amicizia le loro due autrici, regine dei manga. Arrivarono in Italia per la prima volta come anime tra il ’97 e il ’98, tenendoci compagnia ogni pomeriggio al ritorno da scuola. In entrambe troviamo quelli che diventeranno gli elementi più comuni in tutti gli shōjo ad ambientazione scolastica, che avranno grande successo negli anni successivi (sostituendosi in parte alle storiche “maghette”). Amici d’infanzia, vicini di casa, sospette parentele, triangoli amorosi, rivali odios* e personaggi buffi a stemperare la tensione.

“La persona che mi fa battere il cuore fino a quasi farmi male … sei tu…”

Marmalade Boy racconta di Miki e Yū, due ragazzi che si ritrovano ad essere fratellastri dopo un vero e proprio scambio di coppie tra loro genitori. Yū entra come un fulmine a ciel sereno nella vita di Miki e nella nostra (diventando il fictional boyfriend di metà della popolazione mondiale), e la loro storia s’intreccerà con quella dei loro amici e di nuovi compagni di scuola e di vita. Il vero capostipite degli shōjo scolastici, che con personaggi indimenticabili rimane ancora il manga shōjo più amato di sempre, grazie anche alla meravigliosa sigla di Cristina D’Avena che, fin dalle prime note, fa battere il cuore ad ogni ascolto. Arrivato in Italia nel ’98, il manga è stato più volte rieditato da Planet Manga fino all’ultima edizione uscita nel 2019.

“Osservando la nostra piccola Happy Berry, non riesci a sentire il mio amore per te?”

Cortili del cuore, è l’opera che segna il primo grande successo di Ai Yazawa in Italia. Un’apoteosi per i fan delle lovestories tra vicini di casa! Mikako è una ragazza esplosiva e fuori dal comune il cui sogno è diventare una stilista e creare un proprio marchio. Frequenta l’istituto superiore d’arte Yaza, dove fa amicizia con altri ragazzi talentuosi come lei, insieme ai quali organizzerà regolarmente un mercatino di opere fatte a mano. Tsutomu è il suo altissimo e magrissimo vicino di casa che, con un amore incondizionato, la accompagnerà nell’affrontare i demoni del suo passato e nella realizzazione dei sogni… di entrambi. Alcuni personaggi li ritroveremo anche nel sequel Paradise Kiss, che sarà invece pubblicato su una rivista josei. Anche Cortili del Cuore arrivò in Italia nel ’99 grazie a Planet Manga, meritando una recente edizione deluxe, ristampata nel 2019.

  • I CULT DELLA MIA GENERAZIONE: Hanayori Dango di Yoko Kamio e Fruits Basket di Natsuki Takaya

Ecco i primi shōjo manga che entrarono nelle librerie e nei cuori di noi ragazze del 2000, per non lasciarli più. Due opere molto diverse tra loro ma accomunate da tante cose. Per entrambe la prima pubblicazione in Italia fu nel luglio del 2002, dopo il grande successo ottenuto in madrepatria, che ne portò a diverse trasposizioni anime per Fruits Basket e live action per Hanadan. Quanto era bello segnare ogni mese sul calendario l’uscita del numero successivo!

“Dimmi la verità. Hai mai provato a considerarmi un ragazzo come gli altri?”

Hanayori Dango è la storia di Tsukushi Makino, una ragazza povera ma caparbia. Iscritta al primo anno del liceo Eitoku, una scuola privata destinata a figli di papà, si troverà presto a scontrarsi con il quartetto dei Flower4, i capi incontrastati dell’istituto. Rei, il più discreto dei quattro, riuscirà a rendere la permanenza di Makino all’Eitoku più sopportabile, ma nella vita della nostra protagonista entrerà presto anche il capo dei quattro, Tsukasa Domyōji… creando una costante guerra di sentimenti! Conosceremo incomprensioni ed equivoci, chiarimenti e orgoglio, ma soprattutto… un amore che va oltre le differenze sociali! Edita in Italia in 48 volumi e uno special, non ha purtroppo avuto più ristampe… ma come la sua autrice Yoko Kamio, che ci allieta sempre con bellissime nuove art, nessuno riesce a dimenticarsi facilmente di Hanadan!

“Allora, anche a costo di subire un castigo… voglio sciogliere la maledizione.”

Fruits Basket, capolavoro della letteratura manga, di cui recentemente è stato realizzato un nuovo anime, segue le avventure di Tōru Honda, una semplice ragazza delle superiori rimasta orfana dopo avere perso tragicamente la madre. Per caso o per destino, la sua vita s’intreccerà con quella di Yuki, Kyo e altri membri della famiglia Sōma, un’antica famiglia colpita da una maledizione: se abbracciati da una persona di sesso opposto, essi vengono trasformati in uno degli animali dello zodiaco cinese. Il destino peggiore però tocca a Kyo, che ha ereditato lo spirito del gatto, destinato quindi ad essere escluso e infine isolato per l’eternità. Tōru rispettando il loro segreto, riuscirà con amore e caparbietà a liberare questa famiglia dalla maledizione, e a trovare lei stessa una famiglia. Edito inizialmente da Dynamic Italia, è ritornato nelle fumetterie con una nuova edizione pubblicata da Planet Manga nel 2019.

  • GLI PSICOLOGICI: Mars di Fuyumi Sōryō e Le situazioni di Lui e Lei di Masami Tsuda

Ecco i primi esempi di come sia impossibile raggruppare gli shōjo in un’unica singola categoria e di come, certe volte, i temi trattati da un’opera possano essere da subito molto più complessi di una semplice lettura per bambine o crescano d’intensità all’approfondirsi dell’analisi introspettiva dei personaggi. Anche questi sono due grandi cult di due grandi autrici, che hanno segnato la generazione anni ‘90/2000 (pubblicati entrambi in Giappone per la prima volta nel ’96).

“Mi vengono i brividi, tremo al solo pensiero di poter perdere Rei…”

Mars, ha un incipit semplice: due ragazzi, Kira e Rei, s’incontrano per caso e si ritrovano poi compagni di banco. Entrambi, però, nascondono un passato travagliato, che ci porterà ad affrontare temi come il bullismo, l’abuso, la depressione e le malattie mentali, il suicidio. E poi dicono che gli shōjo sono solo per ragazzine! La Sōryō dà vita a un vero e proprio cult generazionale, accompagnando con profondità il percorso dei suoi personaggi e dando vita a uno dei protagonisti che maggiormente ci affascinò in quegli anni: Rei Kashino, con i suoi capelli lunghi e il sogno di diventare motociclista professionista. Mars arrivò in Italia nel 2000 grazie a Star Comics che, in occasione di Lucca Changes, ha annunciato un’attesissima nuova edizione per il 2021.

“Per un singolo misero fallimento… Io non ti mollo proprio adesso, chiaro?!”

Le Situazioni di Lui e Lei, fan di PeroPero riunitevi! Arrivato nei nostri cuori tramite l’anime andato in onda nel 2002 nello spazio dell’anime night di MTV, ci ha però presto lasciato col desiderio di passare alla lettura del manga perché, proprio quando il tono della storia prendeva una piega più seria e complessa, l’anime fu interrotto. Yukino Miyazawa è una studentessa e ragazza modello, sempre impeccabile e con i migliori voti. In realtà dietro a questa perfetta maschera, si nasconde una ragazza pigra, rozza e indolente, e decisamente meno elegante in casa di come si presenti a scuola. Scoprirà questo piccolo segreto, proprio il suo diretto rivale di perfezione, Soichiro Arima. I toni scanzonati dei primi volumi lasciano presto lo spazio a momenti più cupi. La storia tra Yukino e Soichiro li porterà a conoscere nuove persone, ma anche a riaprire vecchie ferite del passato, che solo la vicinanza della persona amata può risanare. Fu pubblicato per la prima volta da Dynamic nel 2002, seguì un’edizione Big Love sempre Dynit e una riedizione Planet Manga nel 2017.

  • LE PROTAGONISTE PIÙ SCOPPIETTANTI: Il Giocattolo dei bambini-Rossana di Miho Obana e Gals di Mihona Fuji

Ci sono quelle amiche che appena le vedi ti fanno subito sorridere e ti danno una grande carica? Così sono state per noi Sana (Rossana) e Ran Kotobuki! Pubblicati entrambi sulla rivista Ribon, per Rossana, in Italia, la serie tv precedette la pubblicazione del manga, e fu un successo nazionale, grazie anche all’indimenticabile sigla di Cristina D’Avena e Giorgio Vanni (chi non scatta subito a cantare appena sente le prime note?). Ormai alle medie, noi bambine del ’90, ritrovammo i sentimenti conosciuti in Piccoli Problemi di cuore, e il vuoto lasciato da Yū fu colmato da Akito. Gals invece lo conoscemmo subito come manga, cui seguì una breve serie anime, poi interrotta su Raidue.

“Poi vorrei trasmettere energia a più persone possibile… a chi non ha le forze.”

Il Giocattolo dei Bambini, racconta le folli avventure di Sana, una spumeggiante undicenne che riesce a conciliare il suo lavoro di attrice della tv, con gli impegni scolastici. È figlia di una scrittrice eccentrica con uno scoiattolo in testa ed è sempre seguita e servita dal fedele manager! Nonostante la sua vita indaffarata, quello che le darà più filo da torcere sarà gestire il caos creato costantemente dai suoi compagni di classe maschi, guidati dal capo bullo Akito (Eric per noi vecchie fan dell’anime di Italia 1). Dopo una serie di sfide mirabolanti e scherzetti, Sana e Akito diventeranno grandi amici e la pace tornerà nel cuore dei protagonisti. Ma nuovi personaggi, nuovi sentimenti e demoni del passato si intrometteranno costantemente nel rapporto tra i due ragazzi. Qual è il vero motivo per cui Sana ha deciso di lavorare nella tv e qual è la vera origine del duro carattere di Akito? Nonostante le difficoltà, la forza di Sana non viene mai meno, e non smette mai di incoraggiarci con la sua allegria! Il Giocattolo dei Bambini fu pubblicato in Italia nel 2002 da Dynamic e raccolto in una bellissima big edition nel 2018.

“Non sapete che Shibuya appartiene interamente alla grande Ran?!”

Gals, lo shōjo più glamour di tutti, ci catapulta nel centro della moda di Tokyo: il quartiere di Shibuya! Regina indiscussa è Ran Kotobuki, la gals più prorompente e simpatica della capitale. Figlia e sorella di poliziotti, lei, controllando tutto a cavallo della statua di Hachiko, non può che fare rispettare la giustizia nella sua Shibuya, senza però rinunciare alla moda, alle zeppe e alle unghie finte perfette!  Con lei ci sono Miyu e Aya, ma conosceremo anche le acerrime nemiche Ganguro, le gals di Ikebukuro, e ragazzi cool e divertenti. Ognuno di loro riuscirà a crescere, superando le proprie insicurezze, grazie all’aiuto degli altri… e a tanti momenti romantici ed esilaranti! Il manga fu pubblicato da Dynamic Italia nel 2003. Nel 2019 in Giappone è iniziata la serializzazione del sequel: le Gals sono tornate! Speriamo di rivederle presto anche qui in Italia.

  • I TRISTONI: La clessidra di Hinako Ashihara e Bokura ga Ita di Yūki Obata

Ecco due titoli che lanciarono le prime sassate ai nostri poveri cuori, ignari di stare per addentrarci in complesse opere, in cui le difficoltà affrontate dai protagonisti ci coinvolgeranno profondamente. Molti elementi accomunano queste due serie manga e diventeranno poi anche questi, caratteristici dei successivi shōjo drammatici (primo fra tutti “A un passo da te”): la lontananza, le promesse infrante, la perdita, la malattia. Grazie all’enorme successo entrambe videro una trasposizione live action, una serie tv per La Clessidra e un anime per Bokura Ga Ita. Nel 2004 furono premiate ai Shogakukan Manga Awards a pari merito come miglior shōjo dell’anno!

“Perché quella… fu l’ultima volta che vidi Yano.”

Bokura ga Ita prende avvio come un semplice shōjo scolastico, in la cui protagonista Takahashi Nanami inizia le superiori sognando nuove amicizie e serenità.  Finirà invece per innamorarsi di Yano, il tipico ragazzo sempre al centro dell’attenzione, sorridente e sfrontato. Il loro diventerà presto un amore profondo che dovrà però affrontare gravi ostacoli, a partire dal passato di Yano segnato da una grave perdita. Purtroppo anche il presente riserva ai due ragazzi numerose difficoltà che li porteranno ad allontanarsi… insieme a loro percorreremo la salita che dall’adolescenza porta all’età adulta, fatta di costante incertezza ma sempre alla ricerca della felicità. Il manga è stato pubblicato in Italia da Flashbook tra il 2007 e il 2012.

“La promessa di quel giorno che non tornerà più.”

La Clessidra è una storia che attraversa il tempo, come la sabbia che scivola dentro una clessidra. Ed è proprio davanti alla clessidra più grande del mondo che inizia il primo ricordo di Ann Uekusa. Manca poco al matrimonio e tramite i suoi ricordi, conosceremo Ann, il suo futuro sposo e la lunga strada che li ha portati a raggiungere finalmente la felicità. In seguito al divorzio dei genitori Ann e sua madre sono costrette a tornare a vivere nel paese natale di quest’ultima, la fredda Shimane. La bambina fa amicizia con Daigo, Fuji e la sua sorellina Shika, e proprio loro saranno al suo fianco quando dovrà affrontare le difficoltà che la vita le riserva. Ancora perdita e lontananza, depressione e le gravi conseguenze che essa porta: autolesionismo e suicidio. Nonostante il dolore che dovranno affrontare i personaggi, questa è anche la storia di due anime che si appartengono e che si cercano per tutta la vita, per poi ritrovarsi. Il manga, dopo il grande successo ottenuto in patria, è stato pubblicato in Italia da Planet Manga nel 2006.

  • UNA NUOVA SPERANZA: A un passo da te di Io Sakisaka e Una stella cadente in pieno giorno di Mika Yamamori

Stiamo parlando di cavalieri Jedi? No, siamo ormai nel pieno del tramonto dell’era d’oro degli shōjo. Le uscite e gli annunci si contano sulle dita e da qualche anno non c’è un titolo che spicchi rispetto agli altri. Nel 2013 succede un miracolo! Nello stesso anno in Italia escono due opere che fanno ricordare i grandi fasti degli anni ’90, batticuori dimenticati e numeri esauriti in fumetteria. L’Italia ritrova Io Sakisaka, già conosciuta e amata in Strobe Edge, e scopre per la prima volta Mika Yamamori. Due opere diverse ma simili, caratterizzate da un triangolo amoroso dai toni classici ma rinnovato da uno spirito millenial! Lei, il moro e il biondo. Come finirà? Non troviamo più la tipica protagonista kawaii succube degli eventi e dell’amore cieco, ma due ragazze con i piedi per terra, consapevoli e risolute. Addio a principi perfetti, benvenuti personaggi caratterizzati e realistici. Menzione d’onore per i disegni di entrambe, di una bellezza inenarrabile, gioia per gli occhi e per il cuore.

“Alle diciannove. All’orologio del parco Sankaku.”

A un passo da te, Kō Mabuchi e Futaba Yoshioka. Ho già detto tutto. Futaba è una ragazza delle medie timida e impacciata, nonostante ciò dopo una partita a guardia e ladri riesce a entrare in confidenza con il suo compagno di scuola Tanaka. Purtroppo quest’ultimo è costretto a trasferirsi all’improvviso, lasciando aperto un malinteso tra i due. Una volta alle superiori Futaba decide di essere diversa, più mascolina e socievole, per non venire più isolata come successo negli ultimi anni delle medie. Un giorno il suo vecchio compagno Tanaka ricompare a scuola, ma qualcosa in lui è cambiato, prima di tutto il suo cognome che ora è Mabuchi. Saranno però ancora gli stessi i sentimenti che lo legano a Futaba? Seguiremo i due protagonisti nella ricerca del perché le loro anime, unite dal momento del primo diluvio (“venuto giù senza un minimo di preavviso”), non riescano mai a incontrarsi sotto quell’orologio che sempre li aspetta. Futaba deciderà di iniziare una relazione con Tōma, un compagno di scuola… ma sarà lui quello giusto? Grazie al grande successo, Ao Haru Ride ha avuto anche un adattamento anime e live action. Anche qui in Italia il manga, pubblicato da Planet Manga nel 2013, ha avuto grande successo, sono infatti in corso le ristampe dei volumi esauriti!

“Ormai me ne sono resa conto… una stella cadente è nata dentro di me.”

Una Stella cadente in pieno giorno è la storia di Suzume, una ragazza nata e cresciuta in un piccolo paesino di campagna, che a causa di un trasferimento di lavoro del padre, è affidata allo zio e costretta a spostarsi nella frenetica Tokyo! Appena arrivata, incontra subito un buffo soggetto e per scappare via finisce per perdersi e svenire. Si risveglia a casa dello zio e scopre che a salvarla è stato proprio il tipo strambo della stazione. Le sorprese non sono finite per la nostra protagonista che, una volta a scuola, scopre che il suo salvatore è anche il responsabile della sua classe, il prof. Shishio. Suzume cercherà di fare amicizia con tutti, in particolare col suo compagno di banco Mamura inizialmente un po’ scontroso, che si rivela in realtà un ragazzo timido e impacciato. Mika Yamamori riuscirà a trasportarci per 12 volumi, tenendoci con il fiato sospeso fino all’ultimo… che decisione prenderà Suzume?  Una stella cadente in pieno giorno fu pubblicato nel 2013 da Flashbook. La storia si completa con un capitolo extra, pubblicato all’interno dell’opera successiva Tsubaki-cho Lonely Planet (edita Star Comics).

  • QUELLI CHE “LI HO LETTI SOLO IO?”: Aruito – Moving Forward di Nagamu Nanaji e Meru Puri di Hino Matsuri

A volte succede che opere che a noi sono piaciute in maniera particolare, alla fine non incontrino lo stesso successo nel resto del pubblico. Ciononostante esse non possono mancare in una classifica personale, portando, a loro volta, un piccolo contributo all’onore di questo grande mondo dalle mille sfaccettature che sono gli shōjo. Il primo, Aruito, è uno shōjo drammatico fatto di percorsi introspettivi e scorci di un Giappone che rinasce. Il secondo, Meru Puri, è una breve commedia fantasy che lancia, per la prima volta in Italia, Hino Matsuri.

“Allegra… Energica… Io devo essere così”

Aruito, è un viaggio tra le strade di Kitano, quartiere collinare di Kobe, segnato nelle strutture e nei cuori dei suoi abitanti, dal grave terremoto che colpì la città nel 1995. Noi percorreremo Kobe tramite gli occhi, e la fotocamera, di Kuko, una ragazza vivace e curiosa, che stringendo forte la sua coda ha deciso di apparire agli altri sempre allegra, sorridente e sicura di sé. Ma qualcosa un giorno causerà una crepa in questa corazza costruita da Kuko, forse l’arrivo di un nuovo studente, o le incomprensioni con i suoi amici di sempre e il ragazzo di cui è innamorata. Insieme riusciranno a ricostruire il cuore di Kuko, che come la città di Kobe, potrà finalmente trovare “il lume della speranza”. Il manga fu pubblicato nel 2014 da Star Comics, casa italiana dell’autrice, di cui aveva già pubblicato le precedenti opere Parfait Tic e Koibana.

“O luce, ritirati per un poco. Diamo il benvenuto all’oscurità.”

Meru Puri prende il via presentandoci Airi Hoshino, una normale ragazza delle superiori, che porta sempre con sé uno specchio regalatole dalla nonna. Una mattina, in ritardo da scuola, perde lo specchietto e da questo salta fuori un bambino vestito in maniera strana. Airi scoprirà presto che questo bambino è in realtà il principe Alam del regno magico di Aster, scappato per sfuggire dal bislacco fratello, che gli ha lanciato contro un incantesimo sbagliato: ogni volta che il principe si trova al buio, si trasforma in un ragazzo 17enne.

La magia può essere annullata solo dal bacio della ragazza di cui si è veramente innamorati, ma per Alam non ci saranno problemi, perché lui si è innamorato proprio di Airi!! Inizierà quindi un’avventura magica e romantica piena di buffe gag e colpi di scena, il tutto raccontato con la meravigliosa perfezione dei disegni di Hino Matsuri. Il manga conta solo 4 volumi, pubblicati nel 2005 da Planet Manga, che in seguito pubblicò anche il più grande successo dell’autrice: Vampire Knight.

Ecco terminato questo settetto di coppie di manga shōjo, scelto per raccontare la nascita dell’amore per queste opere e la continua voglia di scoprirne delle nuove sempre più emozionanti. La posizione di queste coppie può essere letta e cambiata nell’ordine che il vostro cuore preferisce! Così che possa essere una piccola guida per chi per la prima volta si affaccia a questo genere, sia che siate vecchi lettori, sia che stiate scoprendo il mondo dei manga per la prima volta.

Il mondo degli shōjo è un mondo vasto, con mille sfaccettature, fatto di immagini nostalgiche, ricordi di gioventù ma anche di nuove passioni e profondi sentimenti. Con questi soli 14 titoli raccolti in 7 coppie si può vedere come il target di lettori possa essere decisamente più ampio di quello inizialmente previsto per queste opere. Speriamo quindi di rivedere presto le fumetterie ripopolate da nuovi shōjo appassionanti, che possano attirare nuove generazioni e anche vecchi lettori più esigenti (e sofisticati).

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero