Crea sito

Il nostro sito utilizza i cookies per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di utilizzo. Il nostro sito potrebbe anche contenere cookies di terze parti, quali Google Adsense, Google Analytics e Youtube. Accettando di utilizzare il sito e di fruire dei suoi contenuti, aconsentite all'utilizzo dei cookies. Abbiamo aggiornato la nostra Privacy Policy.  Cliccate sul bottone per legegrla.

Sorceline 1: Un giorno sarò fantasticologa! – Recensione

Sorceline. 1 Un giorno sarò fantasticologa!

Sorceline 1: Un giorno sarò fantasticologa! – Recensione

Nel corso degli ultimi millenni di storia dell’uomo, le culture e le tradizioni di ogni popolo, si sono arricchite di storie e miti strettamente legati a creature mitologiche, leggendarie e animali fantastici. Proprio su questo auto-assist, quando si parla di creature fantastiche, non si può non pensare al film di David Yates ispirato all’omonimo libro di J. K. Rowling.

Star Comics, però ci presenta qualcosa di nuovo, tra favola e fantastico. Un racconto tutto da scoprire! Parliamo di Sorceline, Un giorno sarò fantasticologa! scritto da Sylvia Douye e illustrato da Paola Antista.

Sorceline è stata ammessa alla scuola di criptozoologia, dove potrà assecondare la sua passione: lo studio degli animali leggendari! Analisi dei comportamenti, medicamenti magici e addestramento sono all’ordine del giorno. Ma la competizione per ottenere il prestigioso diploma è molto dura.

Oltre a gorgoni, vampiri e grifoni, Sorceline dovrà imparare a conoscere meglio i suoi nuovi compagni. Alcuni diventeranno degli amici, altri dei rivali. La giovane aspirante fantasticologa accompagna i lettori in un tuffo in un universo meraviglioso, un Harry Potter in chiave criptozoologica. Una serie di magia e amicizia, con abbondanti dosi di avventura.

E’ abbastanza palese che in Sorceline le ambientazioni vengono tratte e ispirate dall’universo potteriano. Infatti, già da subito capirete che “aria tira”. Nonostante sia vivida l’influenza harrypotteriana, l’autrice conferisce all’opera un universo tutto suo. Un mondo magico carico di creature fantastiche e intrighi che fanno venire voglia di leggerlo tutto d’un fiato.

Sylvia Douye, inoltre, caratterizza il ritmo narrativo con una bella spinta. Infatti, in questo primo volume, gli avvenimenti e le informazioni che ne trarrete, saranno veloci e repentini ma abbastanza soddisfacenti. Il personaggio principale ha un passato vago e doni speciali di cui sta appena iniziando a farsi un’idea.

A questo, sempre l’autrice, aggiunge sin da subito quello che saranno gli “obbiettivi” di Sorceline. Il bello, dunque, non sarà scoprire questi in quanto chiari sin da subito, ma come la dolce ragazzina arriverà al raggiungimento dei sui intenti. La caratterizzazione dei personaggi è ben strutturata, nonostante ci siano dei veri a propri misteri su alcuni di essi, le loro personalità si intrecciano benissimo con tutta la storia. I dialoghi sono assolutamente moderni e veloci.

L’autrice, nel suo processo creativo (cosa che potrete notare leggendo quest’opera) innesca in una variabile molto moderna quello che poi sarà l’evoluzione dell’ordine degli eventi nella narrazione, un utilizzo di “fabula e intreccio” leggero ed efficace.

Lo stile di disegno di Paola Antista è ciò che molto probabilmente vi farà avvicinare a quest’opera. L’impatto artistico infatti è molto forte e particolare. Un molto più europeo, dai tratti dolci e pastellati e dalle colorazione (di Lowenael) pregevolissime.

Non potevamo, ovviamente, non dedicare qualche rigo al tema centrale di questo primo volume di Sorceline, Un giorno sarò fantasticologa! Ovvero le creature magiche e fantastiche riprese dal folklore e dall’immaginario collettivo. Un universo che da sempre affascina milioni di giovani e non solo. Creature capaci di far sognare, immaginare ed emozionare. Per chi non lo sapesse, queste non sono icone solamente riprese da romanzi, film, storie per grandi e per piccini. No! Infatti basti pensare ai “mostri” che abitano i soffitti degli Uffizi dipinti “a grottesca” del XVI secolo proprio fra creature leggendarie, esseri mitologici e animali fantastici.

In conclusione, Sorceline, Un giorno sarò fantasticologa! di Sylvia Douye e Paola Antista, edito da Star Comics, è un’opera di tutto rispetto che segue, in un certo senso, la linea di racconti per ragazzi e non solo (tengo sempre a precisare che non esistono letture per target anagrafici, ma solo letture) che potrete ritrovare in Blue. Quello di Sorceline è un racconto carico di magia e fantastico immerso in una storia con un vero cliffhanger finale, da lasciarvi a bocca aperta!

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero

By Paolo Monticciolo

Tutto tutto, va bene… vi racconto tutto. Quando ero in terza ho copiato all'esame di storia. Quando ero in quarta ho rubato il parrucchino di mio zio Max e me lo sono messo sul mento per fare Mosè alla recita della scuola. Quando ero in quinta ho buttato per le scale mia sorella Heidi e poi ho dato la colpa al cane… Allora mia madre mi mandò a un campeggio estivo per bambini grassi e poi una volta non ho resistito, ho mangiato due chili di panna e mi hanno cacciato” (I Goonies, 1985)

Potrebbe piacerti anche...