Crea sito

THE NECRONOMICON GAMEBOOK: DAGON – Recensione

Non è morto ciò che in eterno può attendere, e col volgere di strani eoni, anche la morte può morire.” “Solo nelle terribili visioni delle droghe o del delirio, qualcun altro può fare una discesa simile alla mia. E con questa citazione, presa ovviamente dalla bocca di H. P. Lovecraft, oggi vi parliamo di un librogame terribilmente pauroso. Stiamo parlando di: The Necronomicon Gamebook: Dagon. Il librogame edito da Officina Meningi, scritto da Valentino Sergi e illustrato da Alberto dal Lago e Jacopo Schiavo.

THE NECRONOMICON GAMEBOOK – DAGON è un’avventura letteraria dove potrai affrontare in prima persona gli orrori narrati da H. P. Lovecraft in alcuni dei più celebri racconti classici del ciclo di Cthulhu: Dagon, Il rituale e Il segugio (nel volume troverai anche una sezione dedicata alle Terre del Sogno, con alcuni suggestivi estratti da Kadath). 

I racconti sono stati adattati con la massima fedeltà a partire dal testo originale, così da permetterti un’immersione interattiva nello stile del maestro del sovrannaturale attraverso una narrazione a bivi in cui, armato di dado e matita, percorrerai le vie di Kingsport, ti confronterai con creature mostruose, esplorerai territori da incubo e valicherai il confine che divide sogno e realtà. Riuscirai a impedire che il rito di Yule si compia, salvando l’umanità da un destino raccapricciante, o impazzirai prima?

Come avrete già intuito, questo gamebook e ambientato nell’universo di H.P. Lovecraft, precisamente nell’universo di Cthulhu. E qui tocca fare un piccolo preambolo. Negli ultimi tempi, sia per quanto concerne l’universo fumettistico che quello dei romanzi, il mondo di Lovecraft, ha preso sempre più piede. Spesso – fortunatamente – per cose molto belle, altre di cui se ne poteva fare a meno. Ma con quest’opera avrete la conferma che, THE NECRONOMICON GAMEBOOK – DAGON, andava fatto assolutamente.

Un librogame che vi farà totalmente immergere in uno status di follia e orrore d’altri tempi. Sarete ammaliati e catturati dall’atmosfera piu intima di Lovecraft in ogni sua piccola sfaccettatura. La cosa certa è che proverete tutto quel ventaglio di emozioni che solo il maestro dell’orrore psichedelico riesce ad offrire. Ma andiamo per ordine affrontando quelle che sono le meccaniche del gioco.

In quest’opera, sarete voi a decidere il vostro destino. Formato in diversi capitoli che non vanno letti in sequenza, sceglierete le vostre sorti reagendo ad ogni ostacolo e ad ogni dinamiche che, THE NECRONOMICON GAMEBOOK – DAGON, potrà offrirvi. Salterete di capitolo in capitolo in base a quello che sceglierete e in base al punteggio della vostra scheda personaggio.

Per giocare vi basterà un dado a sei facce, d6, e una matita. La meccaniche in se per se è uguale ai classici librigame. Semplice e intuitivo anche se in questo caso c’è la complessità lovecraftiana che vi potrà portare qualche particolarità in piu ma tutto in maniera positiva e appagante soprattutto per l’esperienza di gioco.

Immancabile è la scheda, in questo caso chiamata diario. Ovviamente anche la scheda combattimento vi servirà ogni qual volta affronterete un nemico. Le statistiche, presenti nel diario saranno:

  • Vigore o forza fisica.
  • Volontà o resistenza psichica.
  • Resistenza o resistenza agli attacchi (questa fa le veci degli HP, arrivati a zero sarete morti).

Saranno presenti anche nel diario:

  • Equipaggiamento.
  • Livello follia.

THE NECRONOMICON GAMEBOOK – DAGON non è un classico librogame fantasy. Qui vivrete dei veri e propri orrori. Incubi ad occhi aperti che vi porteranno a far crescere proprio il vostro livello di follia. Sappiate che, più alto va – a seconda delle scelte che prenderete – più saranno i malus che avrete.

Ad ogni combattimento, rischiate la vita. Ma tranquilli, ci sono svariati modi per recuperare vita evitando la fine della vostra avventura. Per esempio, come gli RPG puri insegnano, per ripristinare 3 punti di resistenza vi basterà dormire. Ma attenzione, così facendo entrerete nelle Terre del Sogno.

La presenza della Terra del Sogno, nel corso del gioco, è un plus che aumenta la caratura di questo librogame. Essa è un luogo decisamente fuori dal comune anche per gli standard folli di questa ambientazione. Un mondo onirico carico di visioni, paure e incubi che metteranno alla prova la vostra stabilità mentale. Ma anche qui, seppur si tratta di un sogno, fate attenzione! Quello che vi accadrà in questo mondo surreale si ripercuoterà sulla realtà, ergo quando vi sveglierete.

Dovrete lanciare il vostro d6 per provare a superare le prove o per il combattimento. Ovviamente in correlazione ai valori presenti sul diario. Un setup semplice ed intuitivo con una meccanica di gioco molto user friendly che strizza l’occhio ai classici librigame.

In THE NECRONOMICON GAMEBOOK – DAGON avrete modo, quasi in maniera tangibile di respirare lo spirito della narrazione lovecraftiana. Una scelta stilistica che avvalora maggiormente l’opera in questione proprio quello di mantenere una sorta di originalità stilistica che fa decisamente perno, spingendo in alto quell’anello di congiunzione, tra i giochi e la narrativa. L’autore, per tanto, riprende i testi classici e nel rispetto del mito, crea un resa finale meravigliosa.

Le illustrazione rafforzano maggiormente l’esperienza di gioco. Esse sono meravigliosamente realizzate secondo un contesto preciso sia di editing che d’impaginazione. L’elemento dell’impatto artistico è sicuramente il tratto dei due artisti. Infatti, i disegni sono semplicemente in bianco e nero in stile realistico. Da scorci di cimiteri piccoli cthulhu a armi, monaci intenti a combinare qualcosa di quasi certamente non buono e oggetti, rappresentazioni di vario tipo. Angoscianti e terrificanti.

L’edizione fisica, inviataci da Officina Meningi, si presenta come un cartonato di 80 pagine e 10 capitoli aggiuntivi. Copertina bellissima, rilegatura da fare invidia a qualsiasi tomo e scelta della carta di qualità. Idem per quanto concerna l’impaginazione, il font utilizzato e l’effetto pergamena vecchio libro sui bordi delle pagine.

In conclusione, THE NECRONOMICON GAMEBOOK – DAGON, è un librogame semplice nella sua meccanica ma capace di farvi vivere un incubo a occhi aperti. Dopo svariate ore di gioco, possiamo garantirvi che, nonostante non sia gigantesco, la trama presenta una ricca e complessa varietà di scelte che potrete intraprendere. Un piccolo tesoro non solo per i fan di H. P. Lovecraft, ma anche a chi ha voglia di cimentarsi con qualsiasi orrore che la vostra mente possa partorire.

Continuate a seguire le nostre news, sulle pagine Social Facebook Instagram e Telegram per non perdervi mai nulla! Playhero